Sci coppa del mondo: Svindal stravince sulla Saslong in Val Gardena

Pubblicato il autore: Francesco Grandi Segui

Oggi era il giorno della discesa libera sulla mitica Saslong in Val Gardena, 50 edizioni con quella di oggi su questa pista leggendaria. A far da cornice, alpi e valle innevate oltre ad un grande pubblico sia lungo il percorso che al parterre, con temperature rigide e sole.
La gara è stata molto combattuta ed avvicente, uno strepitoso Svindal ha vinto scendendo fra le gobbe del Cammello e i Ciaslat come una furia: nessuno è stato in grando di avvicinarsi allo strapotere del norvegese che per la sesta volta in carriera vince questa discesa. Al secondo posto il suo compagno di squadra Jansrud, forse l’unico avversario oggi di Svindal, che riesce a contenere il distacco attorno al mezzo secondo. Terzo l’austriaco Max Franz, a 85 centesimi.
Buone notizie dopo il podio di Sofia Goggia in mattinata per i colori azzurri anche tra gli uomini: molto buono il piazzamento di Christof Innerhofer, quinto al traguardo, autore di una gara pregievole, in alcuni frangenti alla pari con Svindal. Bene anche Dominik Paris, settimo alla fine che conferma una costanza stagionale nella disciplina della discesa libera ad alti livelli. Sfortunato Peter Fill che, dopo un atterraggio da un salto rompe una lamina del suo sci destro ed è costretto a sciare per il restante tratto del tracciato in condizioni non ottimali senza poter far nulla per essere competitivo.
Ecco le parole dei nostri azzurri, partiamo da Christof Innerofer: ” Le sensazioni di ieri erano buone, ma ogni giorno si riparte da zero. Mi sono concentrato sulle cose che contano, quindi sullo sciare bene ed arrivare al traguardo il più velocemente possibile. Sono molto contento per il piazzamento perchè significa che sono migliorato in queste condizioni di neve. Era la prima volta che usavo questi sci in gara e le sensazioni sono molto positive, sicuramente li terrò in cosiderazione per i prossimi impegni. Per Bormio la fiducia non manca e non è mai mancata, darò tutto come sempre per migliorare di gara in gara.”
Dominik Paris, ecco le sue considerazioni : ” Oggi sono molto contento: dopo la giornata di ieri dove era andato tutto male, oggi finalmente un bel piazzamento e tutto molto bene. Anche i materiali sono stati all’altezza e si può essere in giornata oppure no, l’importante è non abbattersi mai. Oggi stavo bene, non ho voluto strafare e il risultato parla da solo.”

potrebbe interessarti ancheSci, Lindsey Vonn: “Smetto a fine stagione. A meno che…”

Peter Fill, gara sfortunata per lui: ” In cima ho preso un sasso sotto gli sci e da quel momento ho dovuto fare i salti kortali per arrivare al traguardo. Peccato perchè gli stessi sci sembravano veloccisimi e forse potevo arrivare nelle prime posizioni. Questa però è la Saslong, pista che non mi ha mai regalato grandi soddisfazioni. Mi voglio scusare per il gesto a fine gara, spero e credo che le prossime andranno meglio, voglio essere positivo.”

potrebbe interessarti ancheSci, Marcel Hirscher rinnova con Atomic e allontana le voci sul ritiro

Il vincitore Svindal: ” Volevo riscattare il Super G di ieri, sono partito molto deciso  e subito ho visto che ero veloce. Sono rimasto concentrato e ho dato tutto lungo il tracciato, non credevo di arrivare con un vantaggio simile sugli altri, sono molto felice di aver vinto qui in Val Grdena, per me è molto importante.”

notizie sul temaslalom femminile Are 2018: Shiffrin ha stravinto, male le italianeBAD KLEINKIRCHHEIM, AUSTRIA - JANUARY 14: Federica Brignone of Italy in action during the Audi FIS Alpine Ski World Cup Women's Downhill on January 14, 2018 in Bad Kleinkirchheim, Austria. (Photo by Christophe Pallot/Agence Zoom/Getty Images)Sofia Goggia, ecco la quinta meraviglia. L’azzurra trionfa nel SuperG di AreBAD KLEINKIRCHHEIM, AUSTRIA - JANUARY 14: Sofia Goggia of Italy competes during the Audi FIS Alpine Ski World Cup Women's Downhill on January 14, 2018 in Bad Kleinkirchheim, Austria. (Photo by Christophe Pallot/Agence Zoom/Getty Images)Sofia Goggia trionfa nel SuperG di Are, ultima gara dell’anno
  •   
  •  
  •  
  •