Sci Alpinismo, oro e argento mondiale per Antonioli e Boscacci. Continua il trionfo azzurro a Villars

Pubblicato il autore: Martina Lusso Segui


Doppietta azzurra a Villars! Oro per Robert Antonioli, argento di Michele Boscacci. Terzo il francese Xavier Gachet.

Seconda medaglia irridata per l’atleta lombardo Antonioli già protagonista della sprint disputatasi l’11 marzo che l’aveva visto salire sul terzo gradino del podio. Medaglia di legno per l’altro azzurro Nadir Maguet, il valdostano ha di poco mancato il podio con un ritardo di 1″56’2.
Nella categoria espoir, medaglia d’oro per Davide Magnini che ha chiuso primo davanti a Samuel Equy e Drion De Chapois.

Podio azzurro anche nella categoria femminile con Alba De Silvestro che porta a casa la sua prima medaglia in una gara individuale chiudendo seconda dietro a Axelle Gachet Mollaret. Per la categoria espoir le azzurre trionfano ancora grazie all’oro di Giulia Murada e al bronzo di Mara Martini.

Un mondiale iniziato più che bene per gli azzurri dello sci alpinismo a Villars, in Svizzera che vede convocati per la Nazionale Italiana 28 atleti nelle varie categorie maschile e femminile: senior, espoir, junior e cadetti.


Sci alpinismo, storia di una disciplina antica

Uno sport che seppur poco seguito regala ormai da anni grandi soddisfazioni in casa azzurri e vanta una lunga tradizione nel nostro Paese. Sebbene la prima edizione dei Campionati Mondiali di sci alpinismo risalga solo al 2002, la disciplina prende il via in tempi molto più lontani per arrivare sulle Alpi a cavallo tra la fine del 1800 e l’inizio del 1900 con alle spalle una storia affascinante che fonda le sue radici nei paesi nordici dove gli sci erano il mezzo utilizzato per spostarsi in qualsiasi ambito, dalla caccia al combattimento. Basti pensare che nel 1964 l’esercito svedese, all’epoca in guerra contro la Norvegia, contava tra le proprie fila quattromila soldati sciatori.

È il 1893 quando viene compiuta la prima ascensione sulle alpi in Svizzera da parte di quattro avventati che decidono di tentare la salita al Colle di Pragel per poi scendere velocemente sugli sci.
Successivamente, nel dopoguerra, grazie anche al perfezionamento della tecnica e dei materiali utilizzati, la disciplina prende piede e nel 1927 Ottolino Mezzalama e Ettore Bianchi compiono la prima ascensione sciistica italiana al Monte Bianco dando il nome al celebre Trofeo Mezzalama, competizione agonistica tra le più importanti nell’attuale panorama dello sci alpinismo che prende il via a partire dal 1933.

potrebbe interessarti ancheIncidente per il mondo dello sci: Goggia illesa!

Bisogna aspettare il 1956 per l’impresa che segnerà per sempre la storia della disciplina quando Walter Bonatti e Bruno Detassis compiono la prima traversata delle Alpi con gli sci. I due percorrono in sessantacinque giorni 1500 km per un totale di 100.000 metri di dislivello, impresa che passerà alla storia.

Oltre ai Campionati Mondiali, a partire dal 2004, viene organizzata annualmente anche la Coppa del Mondo nella quale l’Italia vanta ben nove vittorie nella sezione maschile.

Sci alpinismo, i 28 azzurri convocati ai Mondiali di Villars

Senior Maschile
Antonioli Robert (bronzo nella sprint – oro nell’individuale)
Boscacci Michele (oro nell’individuale)
Eydallin Matteo
Lenzi Damiano
Maguet Nadir
Nicolini Federico

Senior Femminile
De Silvestro Alba (argento nell’individuale)

Espoir Maschile
Aymonod Henri
Canclini Nicolò
Magnini Davide (oro nell’individuale)

potrebbe interessarti ancheBiathlon, doppietta azzurra: Wierer vince la Coppa del Mondo e scrive una nuova pagina nella storia dello sport italiano, Vittozzi seconda

Espoir Femminile
Compagnoni Giulia
Martini Mara (bronzo nell’individuale)
Murada Giulia (oro nell’individuale)
Veronese Ilaria

Junior Maschile
Corazza Daniele
Guichardaz Fabien
Guichardaz Sebastien
Rossi Giovanni

Junior Femminile
Bertolina Samantha
Pasquazzo Valeria

Cadetti Maschile
Baldini Rocco
Boscacci Riccardo
Murada Simone
Salvadori Marco
Tomasoni Luca

Cadetti Femminile
Berra Silvia
Gianola Noemi
Valli Nicole

notizie sul temaSci di Fondo, sprint Quebec City: Klæbo irraggiungibile, Pellegrino secondo. Tripletta svedese al femminile guidata da NilssonBiathlon, mass start femminile/maschile: doppio oro mondiale per Wierer e Windish. Impresa storica a Östersund: era dal 1997 che gli azzurri non vincevano un titoloSci di Fondo: Bolshunov vince la 15 km e riapre la sfida per la Coppa del Mondo con Klæbo. Therese Johaug continua a dominare nelle distance femminili.
  •   
  •  
  •  
  •