Wrestling WWE, è morto Bruno Sammartino

Pubblicato il autore: Marco Della Corte Segui

Bruno Sammartino, grande icona del wrestling WWE, è morto all’età di 82 anni. Era stato inserito nella Hall of Fame della World Wrestling Entertainment. Nella cosiddetta ‘arca della gloria’ vi fanno parte altri grandi personaggi dello sport Entertainment, tra cui i compianti Andrè The Giant ed Eddie Guerrero. Come leggiamo da Tuttowrestling.com, L’ex campione dell’allora World Wide Wrestling Federation, sarebbe deceduto nella sua casa a Pittsburgh dopo un ricovero in ospedale.
WWE, Bruno Sammartino: ciao grande uomo!

Bruno Sammartino, soprannominato ‘The italian strongman‘ è senza ombra di dubbio la più grande superstar del wrestling americano ed internazionale. Abruzzese di origini (era nato e cresciuto a Pizzoferrato) il giovane Bruno si trasferì negli USA all’età di 15 anni. Nel suo palmares ha potuto vantare numerosi titoli vinti negli Stati Uniti. Bruno Sammartino è stato per due volte detentore del titolo WWWF. Il primo regno durò ben sette anni: da Maggio 1963 a Gennaio 1971. In seguitò riconquistò la cintura, conservandola per altri quattro anni. Fu capace di far registrare il tutto esaurito al Madison Square Garden di New York per ben 188 volte.

potrebbe interessarti ancheRIZIN 10 – Risultati di un evento incredibile!

Il rientro in Italia

Lo scorso anno, Bruno Sammartino era rientrato in Italia per ricevere da Geremia Mancini (presidente onorario dell’associazione ‘Ambasciatori della fame’) il premio ‘Zimei – Moschettiere d’Abruzzo’. Si tratta di un prestigioso riconoscimento destinato agli abruzzesi che hanno onorato la loro terra natia nel mondo. Per l’occasione, a Pizzoferrato è stata dedicata a Bruno una statua dell’altezza di tre metri. Il simulacro rappresenta la leggenda del wrestling sul ring.

potrebbe interessarti ancheWWE, le news in pillole al 22 Aprile 2018

Una leggenda che vivrà in eterno

Sicuramente, la leggenda di Bruno Sammartino resterà per sempre immortale. Rappresentante per eccellenza della WWE e del wrestling in generale, ‘The living legend‘ ha cambiato la concezione dello sport-entertainment. L’atleta divenne un vero supereroe, ancor prima dell’ ‘esplosione’ di Hulk Hogan negli anni ’80. Terrence Gene Bollea (vero nome di Hogan ed anche lui di chiare origini italiane come Bruno) è stato in qualche modo il collante tra il wrestling vecchio stampo a cui apparteneva Sammartino e quello di concezione moderna, il cui più grande rappresentante è sicuramente John Cena.

notizie sul temaFloyd Mayweather: nuovo prospetto UFC?WWE, Hulk Hogan pronto al rientroLa WWE sbarca in Arabia Saudita, la più grande Royal Rumble della storia il 27 aprile
  •   
  •  
  •  
  •