Roland Garros: Errani show ai quarti. Pennetta sciupona

Pubblicato il autore: Dario D'Auriente Segui

La grinta di Sara Errani dopo il successo sulla Goerges. La romagnola è a quarti del Roland Garros per il quarto anno consecutivo

potrebbe interessarti ancheErrani-Stollar 1-6 6-3 4-6 (Video Highlights Wta Palermo 2019): l’azzurra saluta il torneo all’esordio

Sara Errani fa poker. Per il quarto anno di seguito la romagnola sarà ai quarti di finale del Roland Garros. Il feeling della 28enne tennista bolognese continua dunque sulla terra rossa parigina, grazie al successo su Julia Goerges, classe 1988 e n. 72 Wta. L’azzurra si è imposta 6-2 6-2 in 1 ora e 8 minuti di gioco, a dimostrazione della sua superiorità su questa superficie nei confronti della tedesca. Sara è stata sin da subito padrona del campo, portando avanti il solito match fatto di determinazione, grinta e soprattutto tattica perfetta. La Goerges, dal canto suo, dopo un inizio in cui sembrava in grado di tenere il passo dell’italiana, almeno mettendola in difficoltà in risposta, ha iniziato a sbagliare tanto, imbrigliata nella trappola di palle alte e arrotate della Errani, che in questo modo di è conquistata un posto ai quarti, contro la vincente del derby americano tra Serena Williams e Sloane Stephens. Nel primo set, sotto 2 a 1 ma servizio a disposizione, l’ex chichi metteva a segno un parziale importante di cinque game consecutivi, aggiudicandosi per 6-2 la prima partita. Nella seconda una tedesca ancora più fallosa si consegnava di fatto alla manovra di Sara Errani, che in pochi minuti allungava prima sul 4 a 2 e poi sul 5-2 e servizio. In battuta, dopo aver salvato una palla del primo controbreak della Goerges, l’azzurra sfruttava tre errori consecutivi dell’avversaria e chiudeva alla prima palla match a disposizione.

potrebbe interessarti ancheNadal-Thiem 6-3 5-7 6-1 6-1 (Video Highlights Roland Garros 2019): lo spagnolo fa suo il 18° Slam, il 12° a Parigi
Sara Errani

La delusione di Flavia per non aver sfruttato le occasioni contro la Muguruza per arrivare per la prima volta ai quarti del Roland Garros

Esito opposto invece per Flavia Pennetta. La 33enne brindisina non ha sfruttato il doppio vantaggio sia nel primo che nel secondo set e alla fine si è arresa alla più giovane venezuelana, naturalizzata spagnola, Garbine Muguruza, che in 1 ora e 20 minuti di partita ha chiuso l’incontro per 6-3 6-4. Occasione sprecata per la n. 2 d’Italia di approdare per la priva volta in carriera ai quarti di finale degli Open di Francia. Il punteggio farebbe pensare ad una partita tutto sommato semplice per la n. 21 del seeding, ma così non è stato perché, seppur in balia della maggior potenza e fisicità della collega, Flavia nel primo set, avanti 2-0, mancava due palle del 3-0 e doppio break a suo favore. Immediata la reazione dell’iberica, che controbreakkava la pugliese e impattava sul 2-2. L’incontro seguiva poi il servizio fino al 4-3 per la Muguruza che, con al servizio la Pennetta, recuperava da 40-0 e breakkava l’italiana, tenendo poi il servizio e chiudendo la prima frazione per 6-3. Anche nel secondo set Flavia partiva meglio e si portava avanti addirittura per 3-0, fallendo però la chance per il 4-0 e servizio. Sul 4-1 iniziava la nuova rimonta della più giovane tennista in campo, che con un clamoroso filotto di 5 giochi consecutivi si imponeva 6-4 anche nel secondo set. Partita chiusa, che ha dimostrato ancora una volta i limiti di Flavia Pennetta su una superficie ostica come la terra rossa. Muguruza che conferma così i quarti raggiunti già lo scorso anno al Roland Garros e che sfiderà Lucie Safarova per un posto in semifinale. La ceca, n. 13 del seeding, ha infatti estromesso dal torneo in due set la campionessa in carica Maria Sharapova.

notizie sul temaTennis, Roland Garros 2019: Vondrousova-Barty sarà la finale femminileFederer-Nadal 3-6 4-6 2-6 (Video Highlights Roland Garros 2019): lo spagnolo conquista la sua 12ª finale a ParigiDjokovic-Zverev 7-5 6-2 6-2 (Video Highlights Roland Garros 2019): il serbo affronterà Thiem in semifinale
  •   
  •  
  •  
  •