Esclusiva, Silvia Farina Elia: “Fognini è poco concentrato. Per il futuro c’è la Giorgi”

Pubblicato il autore: Alessio Pompili Segui

Il secondo Slam della stagione è iniziato e nonostante siamo alle prime giornate già qualche sorpresa c’è stata. Insieme a Silvia Farina Elia, ex numero 11 del mondo, la redazione di Supernews ha voluto parlare del torneo francese sulla terra rossa oltre che analizzare la situazione del tennis italiano, sia dal punto di vista femminile che da quello maschile.

silvia farina elia imm

Ciao Silvia. Sono iniziati gli Open di Francia, secondo te qual è il tennista al maschile e al femminile pronto a vincere il trofeo?
Sul femminile i nomi che arrivano in fondo, purtroppo sono sempre gli stessi come ad esempio Serena Williams, contando anche il fatto che ci sono state già due perdite importanti come la Kerber e l’Azarenka. Nel maschile invece quelli che vedo più in forma in questo momento sono Djokovic e Murray. La storia però dice che negli Slam può succedere di tutto, soprattutto nel femminile.

Fin qui gli italiani non sono andati molto bene, sia durante la stagione sia proprio sulla terra rossa. Come spieghi questi ultimi risultati?
C’è un momento di crisi durante questo cambio generazionale che sta avvenendo. La Schiavone stenta e se non vincono Vinci ed Errani abbiamo il vuoto. Per fortuna martedì c’è stata una grande prestazione di Karin Knapp e di Camila Giorgi che ancora può fare bene però poi dopo non abbiamo avuto una tennista italiana a fare le qualificazioni al Roland Garros.

potrebbe interessarti ancheFognini-Shapovalov 6-3 3-6 3-6 (Video Highlights Atp Parigi Bercy 2019): sconfitta in rimonta per l’azzurro

Il tennis italiano al femminile ha vissuto delle grandi stagioni partite con te poi continuate con la Schiavone, la Errani, la Vinci e la Pennetta. Secondo te si è chiuso un ciclo? Eventualmente chi vedi per il futuro del tennis femminile italiano?
Il problema è che ci siamo abituati troppo bene negli ultimi anni. Abbiamo avuto quasi sempre una nostra giocatrice che almeno ai quarti di finale di un grande torneo riusciva ad arrivarci quindi al Roland Garros ha abbastanza senso che Vinci ed Errani siano state già eliminate. Parlando di alti livelli, per il futuro vedo Camila Giorgi.

Perché invece in campo maschile fatichiamo a trovare quelle stesse gioie e vittorie che invece le donne sono state in grado di regalarci?
Paradossalmente se andiamo a vedere le statistiche dei tennisti che stanno uscendo dalla juniores per affacciarsi ai primi Challenger sono molti più ragazzi che ragazze. Ciò significa che dobbiamo sicuramente aspettare ancora qualche anno per questo cambio generazionale. Di solito noi italiani maturiamo più tardi rispetto agli stranieri quindi ci sono dei giovani tra i 19 e i 22 anni che si devono ancora affermare. Nei maschi abbiamo un buon bacino, nelle femmine un pochino meno

Tornando all’attualità, come commenti l’eliminazione di Fognini contro Granollers?
Fognini credo che al di fuori del tennis stia attraversando un periodo non difficile ma che magari può togliergli qualche energia mentale. Sappiamo che si sta sposando quindi magari in questo momento può avere delle difficoltà a rimanere concentrato al cento per cento sul tennis. Credo che si tratti solo di un passaggio, lui ha un grande potenziale e in quei momenti in cui era con la testa concentrata al massimo si è espresso molto bene. Non dobbiamo focalizzarci solo su Fabio, fin qui è stato un torneo negativo per gli italiani in generale, un percorso negativo per tutti così come a Roma, anche quello non un grande torneo per i nostri tennisti.

Da giocatrice a commentatrice… Cosa si prova a seguire il tennis da fuori?
Fuori si ha ovviamente una visione più distaccata però si possono analizzare certe cose che quando sei giocatore magari te le analizzano più gli altri, vivi più di sensazioni. È un modo comunque per rimanere attaccata al tennis, non direttamente sul campo per continuarlo a seguire.

potrebbe interessarti ancheTabellone Masters 1000 Parigi-Bercy: Djokovic e Nadal i favoriti, per gli azzurri presenti Berrettini e Fognini

Qual è stato il torneo più rimpianto?
Posso dirti che rimpianti non ne ho perché ho sempre dato il massimo sempre. Certo ci sono state delle occasioni mancate ma non per mia volontà un po’ per sfortuna u po’ per bravura dell’avversaria. Come i quarti di finale a Roma contro la Mauresmo quando vincevo al terzo, potevo fare semifinale quindi magari lì un po’ di rammarico ce l’ho. Oppure ai quarti di finale a Wimbledon quando mi trovavo un set e un break avanti contro la Clijsters. Certo la partita non era finita però mi sarebbe piaciuto fare una semifinale a Wimbledon.

Questa estate ci saranno le Olimpiadi di Rio. Su chi deve puntare e su chi può puntare l’Italia per una storica medaglia?
Sicuramente io credo che Vinci, Errani e anche Giorgi se ci va possono poter ambire e pensare di poter arrivare ad una medaglia. Soprattutto Vinci ed Errani hanno dimostrato che negli Slam sono andate avanti. È ovvio che poi non sarà semplice ma ci sono i presupposti. La Errani sta passando un momento negativo anche lei lo ha detto e credo che sia non tanto una questione fisica quanto una questione mentale, magari bisogna ritrovare un attimo le motivazioni giuste e le energie mentali ma resta una giocatrice che può far bene.

Il tennis sta vedendo i propri campioni allungare le loro carriere anche se è uno sport diventato sempre più fisico. Come spieghi questa longevità degli atleti?
Lavorano tantissimo sul mantenimento e sul recupero. prima magari si lavorava meno su questo aspetto mentre oggi i giocatori girano quasi tutti, oltre che con il preparatore, con il chiropratico, con l’osteopata, il massaggiatore. Si fa molto più attenzione al recupero energetico e agli infortuni, quindi curando questi aspetti si hanno meno infortuni importanti e si ha la possibilità di giocare di più.

notizie sul temaAtp Basilea, Fognini-Krajinovic: dove vedere il match in tv e streaming oggi 24 ottobreAtp Basilea, Fognini-Popyrin 6-2, 6-4 (Video Highlights): l’azzurro vince in scioltezza e accede al 2° turnoTabellone Atp Basilea: Federer e Zverev i favoriti, presenti anche Tsitsipas e Fognini
  •   
  •  
  •  
  •