Ancora il Maestro! Roger Federer cala il pokerissimo all’Atp di Indian Wells

Pubblicato il autore: fabio felicetti Segui


Il tennis è uno sport meravigliosamente sorprendente, soprattutto per i protagonisti che lo giocano, e ancor di più per Roger Federer che ha dichiarato nella conferenza stampa di chiusura dell’Atp di Indian Wells di come sia arrivata inaspettatamente la vittoria nel Masters californiano in finale sul connazionale Stanislava Wawrinka per 6-4 7(6)-6. Roger Federer non perde occasione per  farci vedere qualcosa di straordinario ogni qualvolta che impugna la sua racchetta e anche ieri siamo stati spettatori della performance di un atleta che ha riscritto la storia di questo sport con record, vittorie e giocate spettacolari. Ma andiamo con ordine.

La finale tutta elvetica dell’Atp di Indian Wells è stata preceduta dall’epilogo femminile, dove curiosamente c’era un altro derby tra due russe, vinto dopo ben 3 ore di gioco da Elena Vesnina (30 anni, 15 WTA) sulla connazionale Svetlana Kuznetsova (31 anni, 8 WTA) 6-7; 7-5; 6-4. Finalmente arriva il momento della partita più attesa, la finale maschile. Pronti, via e inizia il primo set che non delude le aspettative. Entrambi i giocatori procedono ad una velocità di gioco spettacolare, rimanendo fedeli alle loro caratteristiche di gioco. Federer solidissimo nei servizi del primo set mentre Wawrinka mette in mostra le sue doti da ottimo difensore. Entrambi non sembrano voler palleggiare a lungo, decisione che si rivela molto saggia data la temperatura esterna molto alta che poteva influire negativamente sul rendimento di entrambi i contendenti, un fattore determinante in negativo. Il colpo decisivo del primo set lo mette a segno Federer, grazie anche ai due errori dalla battuta di Stan che risultano determinanti sul 5-4 in suo favore.  Nel secondo set,  Wawrinka reagisce e prova a ribaltare l’inerzia sfavorevole. Con fatica e sudore entrambi arrivano concentrati al tie break che comincia benissimo per Wawrinka nonostante Roger Federer riesce a inventare autentiche parate sulle risposte decise del connazionale. Dopo un’ora e circa venti minuti sul punteggio di 5-6 in suo favore, Federer attacca con un diritto aggiudicandosi il match point con una pregevole volèe. Vittoria! Quinto trionfo per Roger nel deserto californiano e novantesima affermazione in un torneo di un giocatore intramontabile.

A fine partita, durante la premiazione con sottofondo la canzone “Hall of fame” dei The Script, spazio anche per la commozione con Wawrinka che mette a nudo le proprie emozioni, quando in lacrime va a complimentarsi con il vincitore e molto simpaticamente lo chiama st*****. “Vorrei congratularmi con Roger, lui adesso ride ma è uno str***** ma va bene così.” Federer risponde alla provocazione del collega con un diplomatico  “lo prendo come un complimento” poi fa una riflessione sul match appena concluso “Anche io sono sorpreso da tutto questo, potevo essere più basso in classifica invece a 35 anni sono sesto, ed è bello, toglie molta pressione essere testa di serie e far parte nella top 10 del ranking.” Grazie ai punti conquistati a Indian Wells, Federer guadagna tre posizioni nella classifica e arriva al sesto posto, superando Nadal. Le prime posizioni sono ancora lontane ma non troppo. Circa 1400 punti dividono Roger dallo stesso Wawrinka, terzo classificato, alle spalle di Murray e Djokovic. Quest’ultimi non parteciperanno al prossimo Atp di Miami.

  •  
  •   
  •  
  •  
  •   
  •