Fiocco azzurro in casa Fognini-Pennetta. Fabio fai il bravo papà e smettila con i lamenti

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
fognini

Fognini, la paternità gli farà bene?

E’ nato Federico Fognini.Flavia e io siamo felici di condividere con voi la nascita di Federico”, così il tennista ligure ha comunicato la nascita del primogenito della coppa Fognini-Pennetta. L’ex tennista brindisina ha partorito a Barcellona, città dove la coppia risiede. “La mamma è il bebè stanno bene”, ha aggiunto Fognini su Twitter, reduce dagli Internazionali di Tennis a Roma. Fognini-Pennetta si sono sposati meno di un anno fa e oggi festeggiano la nascita del primo figlio. Federico è stato scelto come nome in onore di Luzzi, ex giocatore e amico della coppia, scomparso prematuramente nel 2008 a soli 28 anni. Fognini ora si fermerà per qualche tempo per assistere da vicino la Pennetta nel seguire i primi passi nella vita del piccolo Federico.

Uno stop salutare per Fognini. In meno di 48 ore al Foro Italico è andato in scena il meglio e il peggio di Fabio Fognini. Prima la straordinaria vittoria contro il numero uno del mondo Andy Murray, poi la netta sconfitta con Zverev, con relativa coda polemica. In questi avvenimenti c’è racchiusa tutta la carriera di Fognini. Il tennista ligure è sempre stato soggetto ad alti e bassi durante tutto il suo percorso nel circuito Atp. Il talento ce l’ha sempre avuto, la costanza un po’ meno. Con i mezzi tecnici in suo possesso Fognini dovrebbe essere stabilmente tra i primi 20 del mondo. Invece il buon Fabio vivacchia intorno alla quarantesima posizione, il limbo della classifica mondiale. Con la nascita di Federico ora Fognini si fermerà per un po’, una pausa che arriva forse al momento giusto per cercare di capire cosa voglia fare da grande.

Fognini e una polemica davvero inutile

Non volevo giocare alle 12, ma di sera, gli organizzatori fanno sempre il contrario di quello che dovrebbero fare”, così Fognini dopo la sconfitta con Zverev al Foro Italico. Una polemica francamente superflua. Fognini prima di giocare contro Zverev ha goduto di un giorno di riposo, dopo aver battuto un Murray in versione turista. La verità è che Zverev è più forte. Come spesso accade nello sport, chi è più forte vince. Fognini noi è mai stato in partita, con il tedesco che gli ha concesso qualcosa solo nel finale di match. Polemizzare con gli organizzatori di uno dei migliori tornei del circuito Atp, per di più da italiano, non giova a nessuno.

Fognini, ricominciare a 30 anni. L’età media dei tennisti si è decisamente allungata, basta vedere i 36 anni di Federer o i 31 di Nadal, campioni che sono ancora al top del tennis mondiale. Vedendo  in casa nostra anche Paolo Lorenzi ha raggiunto i suoi migliori risultati a 35 anni suonati. Fognini dopo la doverosa pausa paternità potrà tornare a calcare i campi da tennis per fare vedere che è capace di migliorare il suo tennis, sotto tutti i punti di vista. Lasciando da parte polemiche, lamenti e colpi di testa, una volta per tutte. Scene come quelle fatte vedere nel match con Zverev non sono adatto ad uomo, ad un tennista, ad un papà.

  •  
  •   
  •  
  •  
  •   
  •