Nadal lancia la sfida a Federer: “Posso superare i suoi 19 titoli Slam”

Pubblicato il autore: antoniopilato Segui

Rafael Nadal vs Dusan Lajovic
Il 2017 è stato un anno piuttosto positivo per Rafael Nadal, che dopo aver vinto il Roland Garros e gli US Open, si appresta a partecipare alle Finals di novembre, ma nel frattempo si è raccontato in un’intervista rilasciata al vicedirettore di relazioni e comunicazione internazionale del Banco Sabadell (uno dei suoi sponsor), Ramón Rovira. Il tennista maiorchino che finora ha conquistato sedici slam in carriera (tre in meno rispetto a Roger Federer), nutre propositi di sorpasso, pur consapevole dell’arduo compito che lo aspetta:”Credo nel sorpasso a Roger, è possibile ma è molto difficile. Dal dire al fare c’è di mezzo tanto. Nessuno mi garantisce che giocherò fino a 36 anni. Anzi giocherò fin quando il mio corpo e la mia mente me lo permetteranno. Non ho paura del ritiro, non mi preoccupa più di tanto”.

Un’ipotesi non assurda quindi, visto che Rafa appena trentunenne, ha tutte le carte in regola per poter eguagliare e superare Federer, il quale, purtroppo prima o poi dovrà appendere la racchetta al chiodo. Successivamente si è lasciato andare ad una panoramica sulle aspirazioni a breve termine:”Il mio grande obiettivo ora è giocare nel miglior modo possibile i tornei di fine anno. Non ho mai vinto il Master (le Finals ATP) e mi piacerebbe farlo, ma ci sono anche altri sette giocatori che vogliono farlo”.
Sulla classifica mondiale, che lo vede in vetta, Nadal non si sbilancia troppo, anche perchè non era un aspetto in cima ai suoi pensieri:“Onestamente tornare numero uno non era tra i miei obiettivi dell’anno. Ovviamente è meglio essere numero uno che tre, ma la mia priorità era soltanto quella di essere felice, e per esserlo devi sentirti competitivo, e per sentirti competitivo devi stare in salute”.
Dunque l’attesa per il finale di 2017 e per l’inizio del 2018 è già altissima, sempre nel segno dell’eterna sfida tra i due tennisti che hanno fatto la storia.

  •  
  •   
  •  
  •  
  •   
  •