Us Open 2017: Nadal trionfa contro Anderson in finale. Terza vittoria a Flushing Meadows

Pubblicato il autore: fabio felicetti Segui


Non esiste solo Federer in questo fantastico mondo del tennis, c’è anche un altro campione che nel 2017 è tornato a vincere con continuità. Chi è ? Facile intuirlo. E’ Rafa Nadal vincitore dell’edizione 2017 dello Us Open battendo in finale Kevin Anderson 6-3; 6-3; 6-4.

Quello di ieri è l’ennesimo traguardo che va ad aggiungersi al palmares del maiorchino, sedicesimo Slam di una carriera mostruosa, a soli tre titoli da un certo Roger Federer, il secondo di questo anno e la terza finale disputata e vinta sul suolo americano dove mancava dal 2013. Nessuno se lo sarebbe mai aspettato un suo trionfo, persino lui stesso dopo l’eliminazione di un anno fa agli ottavi di finale contro il francese Lucas Pouille (classe ’94) ma Nadal ha prontamente smentito gli addetti ai lavori che hanno sempre definito un suo limite la capacità di competere sul cemento visto che il suo ultimo successo al di fuori della terra rossa è datato Gennaio 2014.

Il suo percorso è stato sorprendente ma non troppo. Senza incertezze, Rafa è arrivato alla fase decisiva del torneo e si garantito l’approdo in finale grazie alla vittoria su un Del Potro, visibilmente affaticato e senza troppe energie mentali dopo il quarto di finale vinto con Federer. In finale ecco Kevin Anderson. Il sudafricano è stata l’altra sorpresa del torneo in una parte di tabellone lasciata sguarnita da Murray, ritiratosi del torneo poco prima dell’inizio a causa di un infortunio all’anca. Era la prima finale Slam del sudafricano che mai è andato oltre gli ottavi di finale in un Major. Non poteva competere contro Nadal, il buon Kevin. Sulla corta distanza, il sudafricano avrebbe potuto giocarsi le sue chance ma 3 su 5 le possibilità di reggere il confronto con il rivale erano davvero ridotto e il campo ha confermato le aspettative degli addetti ai lavori e degli appassionati.

Dopo il match ad aprire le dichiarazioni post-gara è toccato ad Anderson che sportivamente ha usato parole di stima per il vincitore “Rafa per me sei stato un idolo, ti seguo da sempre e hai dimostrato di essere uno dei migliori ambasciatori del nostro sport, grazie per questo”.
La gara viene disputata a senso unico da Rafa Nadal che dopo aver alzato il trofeo all’interno dell’impianto del Arthur Ashe ancora gremito di spettatori, palesemente emozionato si complimenta con l’avversario “Sono state due settimane speciali, ma per prima cosa voglio congratularmi con Kevin. Sei un esempio per tutto il circuito e per molti bambini“.

Poi si sofferma sull’ultimo anno dello zio Toni Nadal come suo allenatore “Un immenso grazie anche a mio zio Toni, non dimenticherò mai ciò che ha fatto per me, senza di lui non avrei mai giocato a tennis. È stato stupendo avere vicino a me una persona che mi ha reso più forte, ed è sicuramente una delle persone più importanti della mia vita”, ha proseguito esternando le sue sensazioni durante questi Us Open 2017:  “Vincere questo torneo mi fa sentire alla grande, mi dà un’incredibile energia. Grazie alla vita che mi ha dato questa opportunità, al mio team e agli US Open, che sento un po’ come casa mia”.
Splendida rivalsa di Rafa Nadal che ad ogni modo, lui e ancora lui sa come essere protagonista.

  •   
  •  
  •  
  •