Camila Giorgi, impresa al Wta Sydney 2018: battuta Sloane Stephens

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
Giorgi

Giorgi, impresa in Australia

Camila Giorgi, impresa in Australia. Dopo un 2017 vissuto tra infortuni, polemiche e poche vittorie ecco che il 2018 sembra essere partito con il piede giusto. La Giorgi batte nettamente Sloane Stephens, numero 13 al mondo e vincitrice dell’ultima edizione degli Us Open. 6-3, 6-0 il punteggio in favore della tennista marchigiana che ha giocato un match praticamente perfetto. Camila proveniva dalle qualificazioni, quindi aveva già preso confidenza con i campi australiani. Con questa vittoria la Giorgi bissa il successo ottenuto contro la Stephens nel 2016 a Montreal. Dopo questa bella impresa per la tennista azzurra ci sarà subito un’importante verifica nel prossimo turno. La Giorgi giocherà ora contro Petra Kvitova, che ha approfittato del ritiro della Lucic-Baroni. La Kvitova aveva vinto il primo set per 6-1. Camila è scivolata al numero 100 della classifica Wta. Una posizione che non rispecchia il valore della classe ’92.

Come detto il 2017 è stato un anno altamente negativo per la Giorgi. Infortuni, tanti. Polemiche, troppe. Camila è una giocatrice che per il suo talento può stare tranquillamente tra le top 20 al mondo. Per fare questo però ha bisogno di salute fisica e vittorie per accrescere la propria autostima. Fattore fondamentale per qualsiasi giocatore di tennis, anche quello di club. Vincere, continuare a vincere per ricostruirsi una buona classifica. Una graduatoria che non la costringa a giocare massacranti turni di qualificazione. Da ricostruire anche il rapporto con la Federazione. Dopo l’epoca d’oro Errani-Schiavone-Vinci, l’Italia di Fed Cup non può prescindere dalla Giorgi. A 26 anni è il momento di diventare davvero grande, magari lasciando le bizze di papà in un angolo.

potrebbe interessarti ancheGiorgi-Alexandrova 6-3 6-1 (Video Highlights Wta Linz 2018): l’azzurra fa suo il 2° titolo in carriera

Giorgi, 2018 anno cruciale

La vittoria contro Sloane Stephens è una grande iniezione di fiducia per la stagione di Camila Giorgi. Ma la parola d’ordine per il 2018 della marchigiana deve essere solo una: continuità. Il numero 100 della classifica Wta è una posizione quasi offensiva se parametrata alle capacità tennistiche di Camila. Il tennis femminile contemporaneo non eccelle per qualità. Una come la Giorgi può e deve ambire in alto. Ci vuole costanza e continuità mentale, ma anche un salto di qualità tennistico.

potrebbe interessarti ancheGiorgi-Gasparyan 6-3 3-6 6-2 (Video Highlights Wta Linz 2018): l’azzurra raggiunge la semifinale

Camila non è più la bambina promettente che colpisce bene, ma spesso troppo forte. A 26 anni è nel pieno della maturità. Non è tardi per costruirsi una carriera diversa da quella che è stata fino ad ora. La Giorgi ha gli esempi di Flavia Pennetta e Roberta Vinci, che sono esplose definitivamente verso i 30 anni. Le sorelle Williams sono brillanti esempi di longevità, come lo sono Federer e Nadal in campo maschile. Non chiediamo alla Giorgi di vincere gli Slam o arrivare al numero uno al mondo. Chiediamo a Camila di allenarsi, stare bene in salute e giocare bene a tennis. Con un po’ più di cervello e un po’ meno istinto. Niente di impossibile per una ragazza che quando vuole sa essere osso durissimo per tutte le avversarie. E’ ora di crescere Camila, è arrivato davvero il momento di crescere.

notizie sul temaWta Tokyo 2018: Giorgi ko in semifinale, Osaka vince in due set (Video Highlights)Wta Tokyo 2018: Giorgi raggiunge la semifinale dopo il ritiro di Azarenka sul finire del 1° set (Video Highlights)Giorgi-Venus Williams 4-6 5-7, l’azzurra si ferma al secondo turno dell’Us Open 2018
  •   
  •  
  •  
  •