Coppa Davis, Giappone-Italia 1-2: Bolelli-Fognini ok nel doppio

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

MELBOURNE, AUSTRALIA - JANUARY 16: Fabio Fognini of Italy plays a backhand in his first round match against Horacio Zeballos of Argentina on day two of the 2018 Australian Open at Melbourne Park on January 16, 2018 in Melbourne, Australia. (Photo by Pat Scala/Getty Images)Giappone-Italia, azzurri ad un passo dalla qualificazione.Il doppio è il punto decisivo”, speriamo che anche questa volta questo vecchio adagio della Coppa Davis si riveli tale. Simone Bolelli e Fabio Fognini hanno conquistato il punto del doppio battendo la coppia giapponese formata da McLachlan e Uchiyama. 7-5, 6-7, 7-6,7-5 il risultato in favore dell’Italia dopo 3 ore e 40 minuti di battaglia. Fondamentale per i ragazzi di capitan Barazzutti chiudere in vantaggio dopo i primi due giorni di match a Morioka. Primo set all’insegna dell’equilibrio, con una sola palla break, annullata dagli azzurri. Poi sul 5-6 arriva il break decisivo che consente agli azzurri di mettere in cascina il primo parziale. Giapponesi che scappano avanti nel secondo set sul 4-2. Bolelli-Fognini reagiscono e rimontano, anzi vanno anche a servire per vincere il secondo parziale, ma subiscono il contro-break. Al tie-break i giapponesi tirano fuori il loro meglio e rimettono la situazione in parità.

Anche nel terzo set sono i servizi a dominare. Una sola palla break, non trasformata e altro inevitabile tie-break. Dal 3-3 in poi strappo decisivo della coppia italiana, che si impone per 7-3. Simone e Fabio giocano ora più sciolti, sapendo che la pressione è tutta sui nipponici. Ma niente break anche nel quarto set. Gli azzurri sono perfetti al servizio. Sul 5-6 altro guizzo vincente dell’Italia, che conquista game, set e match. Un 2-1 preziosissimo che ora dovrà essere premiato nella giornata conclusiva di questo Giappone-Italia a Morioka.

Giappone-Italia, il programma dell’ultima giornata

Giappone-Italia, il primo match point è per Fognini. Quando in Italia saranno le 4 del mattino, Fabio Fognini scenderà in campo per cercare di regalare il punto decisivo agli azzurri. Il nostro numero 1 sarà opposto all’alter ego giapponese, Sugita. Il nipponico è numero 41 del mondo e ha già sconfitto Andreas Seppi nella giornata di venerdì. I due non si sono mai affrontati in carriera. La speranza è che il tennista ligure non risenta della stanchezza accumulata nei 10 set giocati tra venerdì e sabato.

Il programma di questo Giappone-Italia verrà chiuso dal confronto tra Taro Daniel e Andreas Seppi. I numeri due si affronteranno per la prima volta in carriera. Il nipponico è numero 100 del mondo, mentre l’altoatesino è al posto 78 delle classifiche ATP. Chiaramente la speranza azzurra è che sia una partita ininfluente ai fini del risultato complessivo. Se così non fosse allora avremmo grande fiducia in Seppi, che nella sofferta sconfitta con Daniel ha confermato di attraversare un buon momento di forma.

CASO GIORGI, Malagò conciliante. A proposito della diatriba tra Camila Giorgi e la Federtennis è intervenuto anche Giovanni Malagò, presidente del CONI.  Il numero uno dello sport italiano ha dichiarato al sito federale: “Mi è venuto a trovare la scorsa settimana il presidente Angelo Binaghi, abbiamo parlato di tante cose tra cui la questione della Giorgi, ad oggi la migliore tennista italiana con un futuro importante. c’era la possibilità di risolvere questa vicenda che si era creata, tanto che era in contatto quasi quotidiano con Camila per risolvere il problema. Poi c’è stata una presa di posizione, non so se da parte della giocatrice o dei suoi avvocati, che hanno modificato un gentlemen agreement“. Malagò però auspica un lieto fine per la vicenda:“Una situazione che è in evoluzione. La stessa atleta ha l’obiettivo di risolvere questo problema, fermo restando che le regole devono essere rispettate. Intanto però la Giorgi assisterà da spettatrice a Italia-Spagna di FedCup, in programma a Chieti nel prossimo weekend. Un vero peccatto.

  •   
  •  
  •  
  •