CrossFit Invitational 2014: USA, Canada, Europa ed Australia

Pubblicato il autore: Simone Lombardo Segui

european-times-invitational

 

 

Ogni anno, nel mezzo della stagione, il mondo del CrossFit organizza un evento per saggiare le condizioni dei competitor a livello nazionale. Potrebbe ricordare l’All Star Game dell’NBA. Il primo è stato organizzato dalla Reebok il 16 Ottobre del 2013 a Berlino ed ha visto scontrarsi USA vs Europa. Il secondo invece si è svolto a San Jose (California) lo scorso 9 Novembre, evento che ha raddoppiato il numero di squadre da due a quattro: USA, Canada, Australia ed Europa.Ancora in piena evoluzione, il format prevede una competizione tra diversi “All Star” Team, che competono in WOD (questo è l’acronimo utilizzato nel gergo comune in riferimento al Workout of the day) organizzati per un totale di circa 2 ore di diretta (Eurospost oppure mediante il sito ufficiale, Crossfit.com). Sono degli esercizi multipli, che a giro vengono affrontati da ogni componente della squadra, per poi essere completati nel minor tempo possibile. A volte lo score è il tempo di chiusura del wod, altre volte il massimale del peso utilizzato, a seconda dello scopo che si è stabilito in precedenza. Il CrossFit Invitational di quest’anno, ha contato 5 Workout, al cui interno troviamo esercizi quali:

Leggi anche:  Serie A femminile: la nuova stagione parte il 29 agosto

-Pull Up e Thruster.

-Massimali di Snatch (strappo) e di Clean & Jerk (stacco e slancio).

-Muscle Up (Trazioni complete agli anelli) più Rowing (utilizzo del rematore per una spesa complessiva di 30 calorie) etc etc..

Il Team USA, come prevedibile, si è aggiudicato la vittoria contando all’interno del suo staff del talento indiscusso della disciplina, Rich Fronning, quattro volte campione del mondo (Fittest Man on Earth). Pian piano, anche gli altri Team cominciano ad essere realmente competitivi, uno su tutti il Canada entro il quale troviamo la campionessa mondiale di quest’anno, Camille Leblanc Bazinet. Forse solo l’Europa è rimasta più indietro delle altre non avendo a disposizione moltissimi rappresentanti in grado di raggiungere i massimi livelli nei Crossfit Games di fine stagione. Si prevede in fine un grosso giro di affari attorno a questo nuovo sport che potrebbe portare tra non molto il CrossFit alle porte di Las Vegas, entrando così a pieno titolo nel mondo delle scommesse.

Leggi anche:  Olimpiadi: nel villaggio niente preservativi, ma sì agli alcolici in camera

 

  •   
  •  
  •  
  •