Attenta Roma, in attesa di Parigi anche gli Usa si candidano per le Olimpiadi 2024

Pubblicato il autore: Federico Sorrentino Segui

Era un annuncio atteso ed infatti é arrivato: dopo Roma, anche gli Stati Uniti si candidano per ospitare i Giochi Olimpici del 2024. Solo ad inizio 2015 verrà ufficialmente scelta la sede tra 4 città proposte: Boston, San Francisco, Los Angeles e Washington. A dirlo é Larry Probst, presidente del Comitato olimpico Usa. “Siamo entusiasti di annunciare la nostra candidatura e siamo ansiosi di fare il passo successivo nell’indicare la cittá che puó lavorare con noi e presentare un’offerta convincente e di successo”.

Nessun altro Paese ha ospitato le Olimpiadi quanto gli Stati Uniti: 4 edizioni estive (St.Louis 1904, Los Angeles 1932 e 1984, Atlanta 1996) e 4 invernali (Lake Placid 1932 e 1980, Squaw Valley 1960, Salt Lake City 2002). “Abbiamo l’opportunità di giocare un ruolo importante nello sviluppo futuro dei movimenti olimpici e paralimpici – ha chiarito Probst – apprezziamo la partnership che ognuna delle quattro città ha dimostrato finora e siamo fiduciosi di essere sulla strada giusta”.

Leggi anche:  Dove vedere Wrestlemania Backlash 2021, orario, diretta e streaming

Dopo la candidatura di Roma seguita da numerose polemiche per l’inchiesta in corso su Mafia Capitale, quella degli Usa é la seconda proposta presentata ufficialmente. Nelle prossime settimane sono attese le candidature di tre città africane (Casablanca/Marocco, Durban/Sudafrica, Nairobi/Kenya) e una asiatica (Doha/Qatar). Ma é su una città europea che si dovrà fare la corsa: Parigi è infatti la favorita numero uno per accaparrarsi i 33esimi Giochi Olimpici. La capitale francese ospiterebbe infatti l’Olimpiade a cento anni esatti dalla sua ultima volta. Attese anche le candidature di Baku/Azerbaijan, Istanbul/Turchia, Budapest/Ungheria, Kiev/Ucraina, S.Pietroburgo/Russia, Berlino/Germania e la candidatura associata Amburgo-Copenhagen/Germania-Danimarca. La selezione della città inizierà nel 2015, la scelta definitiva sarà presa nel 2017.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: