Buon compleanno, Tiger Woods

Pubblicato il autore: Enrico Muntoni Segui

Buon compleanno, Tiger Woods. Per una volta non auguriamo il compleanno ad un calciatore, ma in questo caso non potevamo dimentiarci di uno sportivo così immenso come lui. Classe 75′, il golfista statunitente più forte di sempre compie oggi 39 anni. Prima di soffermarci sulla sua carriera, vorrei partire dai suoi introiti. E’ ormai consolidata la sua posizione economica che, con il suo 1,3 miliardi di dollari, lo fanno lo sportivo che in assoluto ha guadagnato di più. Niente male per uno che, per una volta, è riuscito a battere sportivi in sport molto più seguiti come l’NBA, il calcio, baseball, ecettera.

Woods ha vinto il Masters nel 1997 a 21 anni e 3 mesi risultando il più giovane vincitore nella storia del torneo. a vinto tutti i 4 tornei Major consecutivamente: dallo U.S. Open del 2000 al Masters del 2001; questa impresa è stata denominata “Tiger Slam”, e non “Grand Slam” perché non è stata compiuta nello stesso anno solare. Eldrick Woods, soprannominato “Tiger” dal padre, iniziò a giocare a golf quasi ancor prima di camminare e ben presto venne ritenuto una sorta di bambino prodigio della specialità. Sotto la guida del padre perfezionò costantemente la sua tecnica e sviluppò un perfetto autocontrollo psicologico, che gli consente di raggiungere la massima concentrazione al momento dell’esecuzione dei colpi. Nel 1990, a quindici anni, fu il più giovane golfista a vincere i Campionati nazionali juniores, successo ribadito anche nei due anni seguenti. Dopo aver conquistato consecutivamente tre titoli di campione statunitense del circuito dilettanti (1994, 1995 e 1996), divenne professionista, aggiudicandosi già al primo anno due tornei del circuito. Il suo soprannome Tiger è stato anche il soprannome dell’amico vietnamita del padre, Nguyen Phong. Il padre, Earl Woods, era un soldato che combatté nella guerra del Vietnam, un membro dei “Berretti verdi”. Sua madre, Kultida, viene dalla Thailandia, la ex-moglie, Elin, dalla Svezia.

Leggi anche:  Nibali futuro commissario tecnico? Ecco la risposta del corridore

Alla fine del 2006 ha rinnovato il contratto con la Nike. La celebre marca di abbigliamento sportivo sponsorizza Woods dal 1996, anno in cui è diventato giocatore professionista (per una cifra complessiva lorda di oltre 150 milioni di dollari). Il nuovo contratto prevede un compenso superiore a 25 milioni di dollari l’anno, incluse le royalty. Woods ha inoltre firmato con la PepsiCo, per pubblicizzare il Gatorade, un contratto da 100 milioni di dollari, il compenso più alto mai corrisposto a un atleta per pubblicizzare delle bibite. Nel 2007 è stato lo sportivo più pagato del mondo con oltre 122 milioni di dollari. Inoltre ha pubblicizzato la serie di videogiochi Tiger Woods PGA Tour, serie di grande successo che vede anche lui come personaggio. Il 27 novembre 2009 rimane ferito in un incidente automobilistico in Florida, ricoverato in ospedale e dimesso poche ore dopo. La vicenda tuttavia ha scosso l’opinione pubblica perché la ricostruzione dei fatti presenta alcuni dettagli che gli investigatori hanno definito “oscuri” e diversi giornali hanno avanzato il sospetto che Woods sia stato aggredito dalla moglie in preda a un eccesso di gelosia. In seguito a questo scandalo, perse molti suoi sponsor e in data 12 dicembre 2009 Woods ha annunciato il ritiro a tempo indeterminato dalle competizioni. Il ritiro si è interrotto il 9 aprile 2010, con la sua partecipazione al Masters. Tiger ha ritrovato però i colpi migliori verso la fine del 2011 ed è ritornato alla vittoria in Florida dopo quasi 2 anni di digiuno il 4 dicembre 2011, ritornando così tra i top 30 del mondo. Nella sua carriera Woods ha mantenuto la prima posizione del ranking mondiale per oltre 600 settimane, di cui consecutivamente 264 settimane tra agosto 1999 e settembre 2004, e altre 281 consecutive tra giugno 2005 e ottobre 2010. Il 26 marzo 2013, dopo più di due anni, torna in vetta al ranking mondiale.

  •   
  •  
  •  
  •