Trekking “Caminito del Rey”, riapre il sentiero più pericoloso del mondo VIDEO

Pubblicato il autore: Andrea Danzi Segui

Caminito del Rey

Gli amanti del trekking esultano, riapre il Caminito del Rey, sentiero costruito lungo le pareti del Desfiladero de los Gaitanes a El Chorro, vicino a Álora (Málaga), e definito “il più pericoloso del mondo”. Si tratta di un passaggio pedonale di 3 km con lunghe rampe larghe appena 1 m sospese fino a 100 m di altezza sul fiume, su delle pareti praticamente verticali. Realizzato a inizio Novecento per il trasporto di materiale e la manutenzioni di due centrali idroelettriche, fu chiamato Caminito del Rey (Sentiero del re) in onore di re Alfonso XIII che lo aveva inaugurato nel 1921.

Caminito del ReyDopo gli incidenti mortali del 1999 e del 2000 che costarono la vita a quattro escursionisti, le autorità andaluse chiusero l’accesso al percorso demolendo il tratto iniziale. Dopo questa decisione il percorso fu abbandonato tanto da trovarsi in vere e proprie condizioni fatiscenti, con assenza di balaustre e tratti distrutti e crollati a valle. Nonostante questo e una multa da 6.000 € a 30.000 € per chi attraversa i binari e le gallerie del treno che consentono di tornare indietro dal Caminito, gli escursionisti hanno continuato imperterriti a trovare il modo per accedervi, scalando la parete. A questo punto le autorità provinciali di Málaga, in collaborazione con quelle dell’Andalusia, hanno deciso un piano di restauro del percorso per permettere agli appassionati di percorrere il sentiero in assoluta sicurezza. I lavori di ripristino sono iniziati a marzo 2014 e il Caminito del Rey verrà riaperto nella settimana Santa di quest’anno.

  •   
  •  
  •  
  •