“Il vero Pallone d’Oro sono io”: le previsioni più catastrofiche dello sport

Pubblicato il autore: Sergio Campofiorito Segui

Rocky 4

Fatti, non pugnette!”, pontificherebbe l’assessore Gangini (aka, il comico Paolo Cevoli). L’aneddotica dello sport esonda di castronerie, sfondoni, previsioni da mago Otelma, autogol lessicali e nasi lunghi. Ecco di seguito sette (più una…) “pugnette” alla quale sono seguiti imprevisti, talvolta catastrofici, spesso comici, sempre ridicoli al giudizio dei fatti.
Erba buona. Rino Tommasi, Tennis (1991). “Sampras non riesce a coniugare servizio e gioco a rete. Sull’erba non credo che vincerà mai molto”. Pete Sampras è, assieme a Roger Federer, il tennista che ha vinto più Wimbledon (7), il prestigioso torneo tennistico che si gioca sull’erba.
Pallone (s)gonfiato. Darko Pancev, Calcio (1992): “Macché Papin, il vero Pallone d’Oro sono io”. Arrigo Sacchi ci mette il carico: “Che bravo, in area di rigore è veramente un giocatore straordinerio”. Nel 1992, il Ramarro passa all’Inter dove, in due trance, disputerà 19 partite e segnerà appena 3 gol.
Potere operaio. Johan Cruijff, Calcio (1994): “Desailly è un modesto operaio del pallone senza tecnica calcistica”. “Strafavoriti noi”.“Il nostro attacco e’ davvero devastante. Capisco le preoccupazioni di Capello senza Baresi e Costacurta“. Il 18 maggio, il Milan demolisce il Barcellona per 4-0 nella finale di Coppa dei Campioni. Massaro sentenzia, Savicevic incanta e Desailly si vendica.
Il cuore è uno zingaro. Sinisa Mihajlovic, Calcio (2004): “Sarebbe difficile rifiutare di andare ad allenare il Milan, non mi si presenterà mai questa possibilità, ma se succedesse non lo potrei mai fare, perché sono stato quattro anni nell’Inter e sono interista. Non lo potrei mai fare”. Nell’estate 2015, l’allenatore serbo firma un biennale con il Milan.
Rosso vergogna. Fernando Alonso, Formula 1 (2006): “La Ferrari non mi ha mai cercato, io preferisco correre con un’altra squadra e battere le rosse. Ho l’impressione che la Ferrari sia sempre leggermente favorita rispetto alle altre scuderie”. Alonso sarà ferrarista dal 2010 al 2014 e senza vincere lo straccio di un mondiale.
Testa di Kaiser. Franz Beckenbauer, Calcio (2006): “L’Italia pagherà in campo lo scandalo calcio. Consideravo l’Italia tra le grandi favorite per il titolo, ma il caos scoppiato danneggerà la squadra azzurra. I calciatori avranno la testa altrove”. Il 9 luglio contro la Francia, dopo aver ammutolito proprio la Germania in semifinale, gli azzurri di Lippi diventano campioni nel mondo.
Vincere e vinceremo. Rudi Garcia, Calcio 2014 “Sono stato fiero dei miei giocatori, hanno dimostrato personalità ed è stata tutto tranne che uno sconfitta. Mi ha fatto capire che secondo me siamo più forti della Juve. E lo dico chiaro: vinceremo lo scudetto”. Pochi giorni prima, il 5 ottobre, lo scontro diretto Juventus – Roma era finito 3-2 tra veleni e polemiche. I bianconeri vinceranno il campionato con 17 punti di vantaggio sui giallorossi.
Tu e quale esercito? Ivan Drago, Pugilato (1985).“Io ti spiezzo in due”.

  •   
  •  
  •  
  •