Palla a nuoto:le azzurre perdono per 17-15 contro l’Ungheria

Pubblicato il autore: Daniela Segui

6ca86af32725c92d6962a165c1b28b2a_XLUna mancata vittoria per la maglia azzurra durante la recente partita di palla a nuoto contro l’Olanda. Le nostre giocatrici perdono “per il rotto della cuffia” durante il primo turno di World League a Budapest, e hanno dato un bel pò di filo da torcere alle avversarie. Lo dimostrano i fatti e la partita disputata, ha potuto confermarlo con una certezza quasi assoluta l’allenatore Fabio Conti il quale, a fine match, ha dichiarato che “D’ora in avanti saranno i dettagli a fare la differenza in vasca”. Il primo gol è stato segnato dalla squadra azzurra da Federica Radicchi, poi sono seguiti ben cinque gol dell’ Ungheria, cosa che ha “allarmato” sensibilmente Conti, tanto da chiamare il timeout; ritirata e confronto con l’allenatore, che comunque hanno condotto a forti risultati. In seguito, tra il secondo e terzo periodo sarà proprio l’allenatore delle olandesi, Attila Biro, a chiamare il timeout per scambiare impressioni con le “sue” giocatrici. L’ultimo gol, a soli 18 secondi dal fischio finale della sirena, era stato segnato dall’italiana Rosaria Aiello da centro boa. Per le italiane sembrava ormai fatta, ma prontamente è partito il recupero per le olandesi: infatti, la campionessa e asso Rita Keszthelyi ha effettuato un tiro diretto che è subito finito nella porta avversaria. Secondo Conti, le italiane sarebbero state troppo molli durante i primi tempi, anche se dopo sono riuscite a recuperare riuscendo quasi a vincere. Amarezza e delusione restano, ma rimane la soddisfazione di essere state “alla pari” contro le avversarie. E c’è già chi punta sulla prossima futura coppa “segnata dall’azzurro”.

Leggi anche:  Calcio a cinque, Syn-Bios Petrarca da record: le parole di mister Giampaolo
  •   
  •  
  •  
  •