Equitazione, Jessica Springsteen: stavolta è la figlia del Boss la vera superstar

Pubblicato il autore: Silvia Campagna

Jessica springsteen
Non ci si sorprende quando si legge di figli d’arte che raggiungono – o comunque tentano di raggiungere – il successo nello stesso ambito lavorativo di mamma e papà. Ed è quasi automatico storcere il muso a causa dell’inevitabile pensiero fisso del “tanto è un raccomandato”.
Ma quando, come in questo caso, ad eccellere è la figlia di un boss della musica, più precisamente del Boss, e non per meriti discografici bensì sportivi, la notizia non può non essere riportata perché di raccomandazione non vi è nulla. Solo dedizione, merito e talento.

Nel corso della prima giornata del Longines FEI World Cup Jumping (Coppa del Mondo di salto ad ostacoli), importantissima gara di equitazione della Fieracavalli di Verona, Jessica Springsteen, figlia del Boss della musica Bruce Springsteen, ha letteralmente stravinto il Premio Prestige, terza ed ultima gara di giornata. Prima fra i 43 partecipanti alla gara ad affrontare il percorso ad ostacoli, la 24enne statunitense ha realizzato il miglior tempo della prima manche (31″24), in sella alla sua Davendy S., battendo persino il campione olimpionico Steve Guerdat. Una vera amazzone rockstar!

Leggi anche:  Champions League volley femminile, è tris di vittorie per le italiane

Sono contenta perché lavoro duro da anni per arrivare a questo livello e per ottenere questi risultati. Monto Davendy S. solo da un anno ma ho subito trovato con lei un ottima intesa. Mi piace Verona e mi piace questo concorso. Grazie alla buona organizzazione della manifestazione ho il tempo di preparami alle gare ma anche di vistare questa splendida città“, ha dichiarati la Springsteen al termine della premiazione. “Normalmente si pensa che chi entra per primo in barrage, non avendo riferimenti stabiliti da altri cavalieri, sia svantaggiato. Io invece preferisco essere tra i primi perché così non ho l’ansia di dover rincorrere qualcuno. Penso alla mia gara e ad andare veloce e basta, per me è meglio!

E per citare in parte papà Springsteen: baby she was born to run!

Qui in basso il video di alcuni momenti della performance e le sue dichiarazioni a fine gara:

Leggi anche:  Champions League volley femminile, è tris di vittorie per le italiane

  •   
  •  
  •  
  •