Golf, Turkish Airlines Open: Dubuisson sfida Van Zyl

Pubblicato il autore: Simone Braconcini Segui

Justin+Rose+Turkish+Airlines+World+Golf+Final+7KF3rIWHWBBlIl francese Victor Dubuisson e il sudafricano Jaco Van Zyl sono appaiati con 200 colpi al comando del Turkish Airlines Open, prima delle quattro prestigiose gare delle Final Series che concludono l’European Tour. L’importante torneo, che tiene col fiato sospeso milioni di appassionati di golf in tutto il Mondo, si sta disputando al Montgomerie Maxx Royal (par 72) di Antalya in Turchia.  Unico cruccio per gli amanti del golf del nostro paese è rappresentato dal fatto che il torneo si disputa senza giocatori italiani.  Sono comunque presenti numerosi nomi illustri del golf mondiale, per un totale di 78 concorrenti. Dubuisson e Van Zyl  inizieranno il giro finale avendo un colpo di vantaggio sul thailandese Kiradech Aphibarnrat e sul nordirlandese Rory McIlroy (201, -15). Quest’ultimo è al primo posto della “money list” continentale e sembra davvero uno dei giocatori più temibili, autore di una fantastica rimonta che lo ha condotto dal sesto al terzo posto, grazie a un sensazionale 67 (-5).

Leggi anche:  Mondiali di pallamano: i risultati del gruppo III del Main Round

Più sotto e con grandi ambizioni di ulteriore risalita, ci sono l’inglese Chris Wood e il coreano Byeong Hun An, quinti con 203 (-13), seguiti dallo statunitense Peter Uihlein e dagli inglesi Lee Westwood e Richard Bland, settimi con 204 (-12). La classifica si snoda poi con il francese Julien Quesne e lo spagnolo Rafael Cabrera Bell, appaiati al decimo posto con 206 (-10). D’altro canto, appare improbabile a questo punto un recupero per l’inglese Danny Willett, secondo nell’ordine di merito e che rischia di veder allontanarsi ulteriormente McIlroy.  Torneo che sembra stregato anche per il thailandese Thongchai Jaidee, 12esimo con 207 (-9). Non hanno più speranze di assicurarsi il torneo, invece, il nordirlandese Graeme McDowell, 16esimo con 208 (-8), e gli inglesi Matthew Fitzpatrick, 23esimo con 209 (-7) e Ian Poulter, addirittura 27esimo con 210 (-6).

Leggi anche:  Pallamano, Serie A: Siena-Bressanone 29-28

Piuttosto deludenti (e questo in pochi se lo aspettavano) lo spagnolo Pablo Larrazabal e  il sudafricano Charl Schwartzel, 44esimi con 214 (-2). Torneo sottotono anche per l’austriaco Bernd Wiesberger, 60esimo con 216 e per lo statunitense John Daly che, assieme allo spagnolo Miguel Angel Jimenez, occupano una deludentissima 66esima posizione, con un misero con 217 (+1).

Ma veniamo ai tandem di testa: Dubuisson, 25enne di Cannes che ha ottenuto l’unico titolo in questo stesso torneo nel 2013, è salito dal quarto al primo posto con un 67 (-5),  mettendo a segno sette birdie e due bogey.

Van Zyl, l’altro golfista in testa alla classifica (un 36enne di Kokstad in Sudafrica), ha fatto invece, in carriera, incetta di successi: Zyl infatti, che ha svolto buona parte della sua carriera nel Sunshine Tour, ha ottenuto tredici titoli e quattordici secondi posti. Davvero  niente male, soprattutto se si considera che Zyl è stato in vetta sin dal primo turno, evitando a più riprese il sorpasso di Dubuisson.  Ora  i due campioni sono appaiati l’uno accanto all’altro e le emozioni di certo non mancheranno. I due giocatori si sfideranno a colpi di grande classe fino alla fine. Sarà un finale da brivido. Anche dal punto di vista economico, per chi vincerà il torneo. Ricordiamo infatti che il Turkish Airlines Open ha un montepremi di sette milioni di dollari e, complessivamente, le Final Series distribuiranno 30,5 milioni di dollari.

  •   
  •  
  •  
  •