Taekwondo, Molfetta : “Darò tutto per difendere il titolo olimpico”

Pubblicato il autore: Alessandro Cipolla Segui

carlo_molfetta

Si avvicina sempre più l’appuntamento con l’Olimpiade di Rio 2016 e il taekwondoka Carlo Molfetta è determinato e concentrato più che mai. L’occasione per parlare davanti alla stampa è il meeting finale del progetto “Sport e integrazione“, iniziativa voluta dal Coni e dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per la promozione delle politiche di integrazione nello sport. Nella fattispecie l’atleta di Mesagne ha fatto un pò da chioccia a Frank Chamizo, il giovane lottatore italo-cubano fresco di medaglia d’oro ai Mondiali di Las Vegas e quindi di qualificazione per Rio. Molfetta invece ancora deve staccare il pass per il Brasile. L’occasione sarà a gennaio alle qualifiche che si terranno in Turchia, dove il taekwondoka cercherà di guadagnare l’accesso alle Olimpiadi così da poter difendere l’oro conquistato a Londra nel 2012 nel categoria +80 kg.

Leggi anche:  Drew McIntyre, guarito dal Covid-19

“A Londra è andata molto bene – spiega Molfetta – finalmente mi sento bene e cercherò di dare tutto me stesso alle qualifiche di gennaio in Turchia per poter difendere il titolo. Il peso derivante dall’aver vinto la medaglia d’oro c’è ma è figo, gli altri avversari cercheranno di mettercela tutta per battermi e questo mi carica. Le Olimpiadi sono tutta un’altra cosa, è un evento speciale dove ci si allena per quattro anni solo per quello scopo”.

  •   
  •  
  •  
  •