Oggi sono 40, auguri a Tiger Woods!

Pubblicato il autore: lorenzo caruso Segui

838810-michael-jordan-and-tiger-woods


Quando pensiamo ad un qualsiasi sport, una delle domande che più facilmente ci poniamo è :” Chi è stato il più forte di sempre ? “. Nel calcio il dibattito è ancora oggi aspro ed acceso, Pelé o Maradona? E se Messi nel frattempo fosse arrivato ai livelli del Pibe de Oro? Un’ altra realtà che spesso si presta a questo tipo di domanda è certamente il Tennis, che sia Roger Federer il più forte tennista di tutti i tempi? Sampras? Agassi? Borg? Edberg? McEnroe? O forse il re della terra rossa Nadal? O l’imbattibile Djokovic?
Forse, il Basket è uno dei pochi sport nei quali 9 volte su 10, quando domandi chi sia il cestista più forte della storia, le persone ti rispondono allo stesso modo, vale a dire Michael Jordan. Ma anche qui ci sarà qualcuno che pensandoci un pò su, tirerà fuori dalla bocca altri nomi come Kobe Bryant o Shaquille O’Neal.
Insomma, come saprete bene, decretare chi sia l’atleta più rappresentativo dell’intera storia di uno sport non è di certo semplice. Accade però raramente che, l’atleta in questione sia stato così forte e vincente da non lasciare alcun dubbio ed il Golf è probabilmente una delle poche specialità nelle quali questo fenomeno si verifica. Ovviamente, il golfista in questione è Tiger Woods. Secondo giocatore ad aver vinto più Majors nella storia del Golf, ( il primo è Jack Nicklaus con 18 vittorie, contro le 14 di Tiger ) nonché il più pagato. Secondo l’articolo scritto da Ron Sirak per ” Cashing In “, Woods è il primo sportivo ad aver superato 1,3 miliardi di dollari tra sponsor e vittorie.
Dopo i grandi successi, nel 2009, la carriera di Tiger Woods subisce una brusca frenata. Oggi, nel giorno del suo 40imo compleanno andiamo a ripercorrere insieme il cammino del ragazzo prodigio.
Eldrick ( soprannominato ” Tiger ” da suo padre Earl ) Woods nasce a Cypress, in California, il 30 Dicembre del 1975 e sin da subito si capisce che questo ragazzo ( grazie anche alle lezioni impartitegli dal padre, grande appassionato di Golf ) farà strada.
L’anno della consacrazione è da considerare il 1997, quando Tiger, a soli 21 anni e 3 mesi porta a casa l’Augusta Masters, diventando il più giovane di sempre ad aggiudicarsi il torneo per poi vincere nel 1999 il PGA Championship. Tra il 2000 ed il 2001 vince i 4 tornei Major uno dopo l’altro: U.S. Open, British Open, Pga Championship e Augusta Masters.
Dal 2002 al 2008 l’incredibile serie di successi continua senza sosta, Tiger infatti vince ben altre due edizioni di Augusta Masters, U.S. Open, British Open e PGA Championship, arrivando al bottino attuale di 18 tornei Major conquistati.
Tutto si arresta nel Novembre del 2009 quando Tiger e la moglie Elin rimangono feriti in un incidente automobilistico dal quale escono pressoché illesi. Si scoprirà solo più tardi che la macchina sulla quale i due si trovavano uscì fuori strada a causa di un eccesso di gelosia da parte della moglie che, in preda all’ira, aggredì Woods. Da questo momento in poi la vita del golfista cambia totalmente, i vari tradimenti nei confronti della moglie diventano di ordine pubblico, condizionando anche la carriera di Tiger che nel Dicembre 2009 decide di ritirarsi dall’attività. Dopo la separazione con la Elin, l’asso del Golf deciderà di ritornare a gareggiare il 9 Aprile 2010, partecipando all’Augusta Masters. Il picco più alto da questo momento in poi viene raggiunto il 26 Marzo 2013, quando, dopo più di 3 anni, Tiger Woods torna primo nel ranking mondiale. Attualmente il golfista è sceso al 266imo posto, una posizione quasi inimmaginabile per l’atleta più rappresentativo della storia di uno sport.
Augurando di nuovo buon compleanno a Tiger, vi lascio con una frase da lui pronunciata che la dice lunga su quanto, gli errori del golfista ed una vita, a tratti sregolata, abbiano negato ad un talento del genere, di conquistare ancora altri titoli.

Leggi anche:  Fabio Aru bussa la porta dell'Astana. La risposta di Dmitry Fofonov

” I TROFEI E I PREMI CHE HO CONQUISTATO NELLA MIA CARRIERA SONO IRRILEVANTI RISPETTO AL MALE CHE HO FATTO “

  •   
  •  
  •  
  •