Ryder Cup 2022 assegnata all’Italia

Pubblicato il autore: Pierluigi Persano Segui

ryder cup

Nel giorno della presentazione del logo per la candidatura di Roma alle Olimpiadi del 2024, l’Italia riceve il compito prestigioso di ospitare la Ryder Cup 2022, il più importante torneo di golf del mondo.
La famosa gara che dal 1927 vede sfidarsi fra loro  ogni due anni una selezione di giocatori statunitensi e una selezione di giocatori europei, approda per la prima volta in Italia e sarà ospitata sul sul percorso del «Marco Simone Golf & Country Club», circolo capitolino di proprietà della famiglia Biagiotti  designato dalla Federazione Italiana Golf come sede di gioco.
L’Italia è riuscita a battere la concorrenza della Spagna, rivale più accreditata, oltre a quelle di Austria e Germania.
La competizione, che prende il nome dall’inglese Samuel Ryder che donò il trofeo alla federazione americana, è co-gestita dallo European Tour e dalla PGA of America.
Dopo un’iniziale dominio della federazione americana, nel tempo il divario si è nettamente ridotto, e nelle ultime dieci edizioni disputate la federazione europea si è aggiudicata ben otto vittorie.

Leggi anche:  Ciclomercato 2022, Ineos Grenadiers vuole Nibali? L'indiscrezione

ROMA CAPUT MUNDI – Ospitare la Ryder Cup 2022 rappresenta un’altra vetrina mondiale per l’Italia e per Roma. Il nostro paese negli ultimi anni sta cercando di rafforzare la sua immagine, e l’ottima organizzazione delle Olimpiadi invernali di Torino nel 2006 e la buona riuscita dell’Expo 2015 di Milano hanno rilanciato l’Italia a livello mondiale.
La sfida tra Europa e Stati Uniti rappresenta un vero evento mondiale, attirando 300mila appassionati provenienti da oltre 60 nazioni, e viene trasmessa in diretta in 200 paesi da oltre 50 emittenti, risultando con oltre 600 milioni di telespettatori il terzo evento sportivo più seguito dopo i mondiali di calcio e le olimpiadi.
In occasione dell’assegnazione, l’Italia è riuscita a convincere Keith Pelley, Chief Executive dell’European Tour, e Richard Hills, direttore del Bid Management Team di Ryder Cup Europe, che dopo aver ispezionato i percorsi di Spagna, Germania e Austria, avevano espresso il loro parere entusiasta sul bid italiano, apprezzandone le potenzialità da un punto di vista tecnico e logistico.
Nulla da fare quindi per il ‘Fontana’ di Oberwaltersdorf, vicino Vienna (percorso designato dall’Austria), per l’ ‘A-Rosa Scharmützelsee’ di Berlino (percorso della Germania) e per il ‘Pga Catalunya’ di Girona (percorso spagnolo).
Quella dell’Italia e di Roma è la terza designazione per un paese europeo non anglosassone: infatti nelle precedenti 40 edizioni già disputate il torneo era stato organizzato dalla Spagna nel 1997 al ‘Valderrama Golf Club’ ed è stato assegnato al ‘Le Golf National’ di Saint-Quentin-en-Yvelines, in Francia, per l’edizione del 2018.

Leggi anche:  Nibali futuro commissario tecnico? Ecco la risposta del corridore

OCCASIONE UNICA – Franco Chimenti, numero uno della federgolf e promotore della candidatura, appena ricevuta la notizia durante la cerimonia di presentazione del logo di Roma 2024, ha espresso tutta la sua felicità insieme al presidente del CONI Giovanni Malagò: “Si apre una nuova era per il movimento golfistico italiano. L’assegnazione della Ryder Cup  2022 certifica l’ingresso dell’Italia nell’elite del golf mondiale. Abbiamo presentato un progetto estremamente solido grazie al sostegno del Presidente del Consiglio, Matteo Renzi e di otto ministeri. Possiamo contare, inoltre, su un pool di sponsor di grande prestigio: un’offerta pubblica e privata che assicura al golf italiano un futuro di grandi prospettive”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: