Bold Eagle, un fulmine al Prix de Belgique

Pubblicato il autore: Alessandro Cipolla Segui

prix de belgique

Pomeriggio di grande trotto a Parigi dove si è svolto il Prix de Belgique, autentico antipasto del Prix d’Amerique. Il grande atteso era lui, Bold Eagle leader dei cinque anni francesi che aveva impressionato nel Criterium International e dato, assieme ai fuoriclassi del trotto attuale Timoko, Robert Bi e Akin du Cap Vert, tra i grandi favoriti per l’Amerique, che è la corsa più importante d’Europa se non del mondo.

I partenti

15.08 – PR. DE BELGIQUE – nastri gr.2 E 120.000 – mt 2850 – Trio
1 INCREASED WORKLOAD 2850 P.Vercruysse
2 EL MAGO PELLINI ” M.Abrivard
3 LIONEL (NOR) ” O.Kihlstrom
4 AMIRAL SACHA ” D.Thomain
5 MOSES ROB ” P.Levesque
6 SOLEA RIVELLIERE ” Ph.Daugeard
7 BIRD PARKER ” Y.Lebourgeois
8 KADETT C.D. ” D.Locqueneux
9 SUPPORT JUSTICE ” E.Raffin
10 VILLAGE MYSTIC ” C.Beurel
11 OASIS BI ” B.Goop
12 BOLD EAGLE ” F.Nivard
13 UN MEC D’HERIPRE ” R.Andreghetti
14 VOLTIGEUR DE MYRT ” G.Gelormini
15 MOSAIQUE FACE 2875 L.Kolgjini
16 UP AND QUICK ” J.M.Bazire

Non mancavano comunque gli sfidanti a Bold Eagle per l’edizione 2016 del Prix de Belgique. In prima fila molto temibile era la presenza di Amiral Sacha, guidata dal buon Thomain. Al betting comunque, dietro al favorito Bold Eagle quotato a 1,24 con quota quindi varenniana, il controfavorito è Voltiguer de Myrt, con in sulky Gelormini, quota 8,12, seguito a ruota dal norvegese Lionel, trottato dal volpone Kihlstrom e bancato a 8,36. Discreta fiducia anche per l’unico driver italiano in gara, Roberto Andreghetti, che in sulky di Un Mec d’Herirpe era dato a 23,32. Alla fine pronostici rispettati e Bold Eagle che dimostra di poter correre benissimo con gli anziani, stravincendo la corsa e dando appuntamento a tutti gli altri all’Amerique. Inizio timido per il cinque anni francese poi retta finale devastante stampando il paletto finale con un notevole 1:13,6. Dietro di lui il controfavorito Voltigeur de Myrt, poi al terzo posto il rientrante Oasis Bi, guidato da Goop che ora ha più di un pensierino di partecipare all’Amerique oppure puntare tutto sul France. Bene Andreghetti, finito quarto dopo la squalifica di Support Justice.

Leggi anche:  Mondiali di futsal: definito il quadro degli ottavi

1. Bold Eagle Franck Nivard 1:13,6 15
2. Voltigeur de Myrt Gabriele Gelormini 1:13,8 100
3. Oasis Bi Björn Goop 1:13,9 360
4. Un Mec d´Heripré Roberto Andreghetti 1:13,9 580
5. Bird Parker Yoann Lebourgeois 1:13,9 420
6. Moses Rob Pierre Levesque 1:14,0 470
7. Solea Rivelliere Philippe Daugeard 1:14,1 1560
8. Lionel Örjan Kihlström 1:14,8 140
9. Increased Workload Pierre Vercruysse 1:14,4 1760
10. Up and Quick Jean-Michel Bazire 1:13,8 330
Village Mystic Cedric Beurel o.Z. 1210
Mosaique Face Lutfi Kolgjini o.Z. 1310
El Mago Pellini Matthieu Abrivard d.r. 740
Amiral Sacha David Thomain 3. d.r. 98
Kadett C.D. Dominik Locqueneux d.r. 720
Support Justice Eric Raffin 6. d.bl. 91

Le altre corse

16.10 – PR. GELINOTTE – nastri femm.gr.2 E 120.000 – mt 2700 – Trio
1 DRAFT LIFE 2700 E.Raffin
2 DIANA DU CHATELET ” A.Thomas
3 DYNASTIE ALDO ” W.Bigeon
4 DIVA DU MOUCHEL ” F.Nivard
5 DEEP PURPLE ” P.Vercruysse
6 DANSE D’ETANG ” Ch.Bigeon
7 DISTA LOVE ” G.Gelormini
8 DEESSE DE GUERON ” F.Anne
9 DON’T EXPLAIN A ” M.Abrivard
10 DEMONIA ROMA A ” J.Ph.Monclin

Leggi anche:  Mondiali di futsal: definito il quadro degli ottavi

17.15 – PR. DJERID – tr.mont.gr.3 E 110.000 – mt 2200 – Trio
1 RUE DU BAC (ITY) 2200 A.Barrier
2 VAILLANT CASH ” Cl.Frecelle
3 VIVIER DE L’OISON ” Aurelien Desmarres
4 AGRIPPINE ” A.Abrivard
5 NONANT LE PIN ” E.Raffin
6 TSAR DE HOUELLE ” M.Mlle Bacsich
7 ROCKY WINNER ” F.Nivard
8 ORIONE DEGLI DEI ” D.Bonne
9 ULYSSE ” M.Abrivard
10 VELOCE DU BANNEY ” Y.Lebourgeois
11 VAGABONDU MAG ” D.Thomain
12 TORRE CREPIN ” A.Lamy
13 UDAYAMA ” G.Prat

Altri due i gran premi disputati nel pomeriggio parigino a Vincennes. Nel Gelinotte bis di Nivard che con Diva du Mouchel sorpende i favoriti Danse D’Etang, trottata da Bigeon finita terza mentre seconda è arrivata l’altra favorita Don’t Explain. Riservata alla specialità del montato invece il Prix Djerid, che ha visto trionfare il favorito Vaillant Cash, Frecelle in sulky, con Udayama e Orione degli dei finiti rispettivamente secondo e terzo.

  •   
  •  
  •  
  •