Per il Super Bowl numero 50 sarà Denver – Carolina

Pubblicato il autore: @lorenzo_v_81 Segui
Dec 15, 2013; Pittsburgh, PA, USA; Pittsburgh Steelers center Cody Wallace (72) lines up against the Cincinnati Bengals defense during the second half at Heinz Field. The Steelers won 30-20. Mandatory Credit: Jason Bridge-USA TODAY Sports

Dec 15, 2013; Pittsburgh, PA, USA; Pittsburgh Steelers center Cody Wallace (72) lines up against the Cincinnati Bengals defense during the second half at Heinz Field. The Steelers won 30-20. Mandatory Credit: Jason Bridge-USA TODAY Sports

Il 7 febbraio gran parte degli occhi di appassionati e non saranno sull’impianto di Santa Clara, in California dove si sfideranno i Denver Broncos contro i Carolina Panthers nella 50a edizione del Super Bowl. Una sfida abbastanza inedita soprattutto per i primi che hanno battuto un po’ a sorpresa i favoriti New England, mentre è stato più agevole il compito dei Panthers nello sconfiggere Arizona nella finale NFC.

Al termine di una gara molto equilibrata e spettacolare l’arcigna difesa arancione dei Denver, risultata la migliore di tutta la Nfl per questa stagione,  ha contenuto in modo esemplare l’attacco dei New England come dimostrano le 23 volte nelle quali è stato colpito lo spauracchio numero uno Tom Brady, che sin qui aveva al massimo subito 12 stop. Prova superlativa di Vonn Miller senza dimenticare però l’arzillo quarantenne Peyton Manning che in una delle sue ultime apparizioni ha dato tutto ciò che aveva in corpo che gli garantiranno, oltre ad essere il più vecchio titolare, anche il fatto di essere il primo Qb a disputare due Super Bowl con due squadre diverse, Colts e appunto Broncos. Ottavo Super Bowl per la franchigia del Colorado che, avendo estromesso la favorita, potrebbe assumerne i gradi.

Leggi anche:  Mondiali di futsal: Argentina, Brasile e Kazakistan volano ai quarti

Nell’altra sfida invece l’equilibrio è stato devisamente assente visto che i Panthers hanno giganteggiato in lungo e in largo prima di conquistare la seconda finale del Super Bowl dopo quella del 2004 nella quale si arresero per 32 a 29 ai Patriots. Protagonista assoluto è stato Newton. Una brutta notizia è stata l’infortunio al braccio destro di Davis che, con ogni probabilità, salterà la grande finale. Arizona, paga in questa semifinale un Palmer in serata no e un calo fisiologico dopo un inizio di stagione incredibile. Carolina arriva a questa finale con l’invidiabile record di 17-1 in stagione chiudendo da imbattuta a Charlotte, ma, come detto, si troverà di fronte un avversario sulla carta più forte seppur stanco da una semifinale molto più combattuta. Nei prossimi giorni verranno svelati ulteriori particolari di questo evento che, come al solito, non rappresenterà soltanto un incontro di football Nfl ma un evento mediatico che tutto il mondo seguirà.

In molti già stanno prospettando una sfida tra Payton Manning e Cam Newton, ovvero tra l’esperto recordman e il giovane ventiseienne che è riuscito a strappare allo stesso Manning il record di maggior numero di touchdown su corsa segnati da un quarterback in una stagione (14).

Leggi anche:  Pallamano Champions League, 2ª giornata girone A: comandano sempre Aalborg e Kiel
 Vincerà l’attacco o la difesa? Saranno due squadre profondamente diverse che arrivano a questo evento con due stagioni profondamente diverse, ma ad egual modo vincente. Sarà comunque uno spettacolo unico che relativamente pochi potranno godere dal vivo nel perfetto spirito del SuperBowl, ma che milioni e milioni di persone seguiranno da ogni parte del globo. E non importa se qualcuno non conosce questo sport o qualche regola. Il Super Bowl è pur sempre un grande spettacolo……per tutti.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: