Canoa slalom: Molmenti d’argento agli Australian Open

Pubblicato il autore: Giacomo Garbisa Segui
Molmenti d'argento agli Australian Open

Daniele Molmenti in gara a Penrith (fonte federcanoa.it)

Italia ancora a medaglia, Daniele Molmenti d’argento agli Australian Open nel K1 slalom. Dopo il secondo posto del C2 di Pietro Camporesi e Niccolò Ferrari, slalomisti in forza all’Aeronautica Militare che nella notte fra venerdì e sabato hanno chiuso alle spalle degli slovacchi Peter e Ladislav Skantar per un solo centesimo, nella notte fra sabato e domenica Italia di nuovo protagonista nelle acque del Penrith Whitwater Stadium.

Nella seconda giornata di finali, la spedizione azzurra ha infatti conquistato un’altra medaglia: a vincere l’argento è stato il campione olimpico di Londra 2012 Daniele Molmenti. Il 31enne del Gruppo Sportivo Forestale ha raggiunto la finale grazie al nono tempo ottenuto in semifinale con un ritardo di 1.38 dal russo Eigel, ma nella sfida decisiva che metteva in palio le medaglie ha accelerato in maniera decisa. In finale è approdato anche Giovanni de Gennaro, compagno di squadra di Molmenti, che si è qualificato grazie al sesto posto in semifinale a 1.10 dal leader.

Leggi anche:  Fabio Aru bussa la porta dell'Astana. La risposta di Dmitry Fofonov

Nella finalissima australiana sono dieci gli slalomisti in acqua, tutti di primissimo livello. Vit Prindis, ceco e figlio d’arte con il padre Pavel che gareggiò a giochi olimpici di Barcellona 1992 e mise al collo il bronzo mondiale a squadre nel K1 per ben due volte (Tacen 1991 e Mezzana 1993), chiude con l’oro confermandosi nuovamente tra i migliori. Alle spalle del vicecampione europeo 2014, che ferma il cronometro sull’89.65, si afferma Daniele Molmenti che al primo intertempo ha un vantaggio di 13 centesimi su Prindis, incrementati a 93 al secondo rilevamento cronometrico. Decisiva l’ultima parte che vede il ceco chiudere con maggior rapidità e costringere Molmenti a salire sul secondo gradino del podio con un ritardo di appena 44 centesimi dall’oro. Per lo slalomista di Pordenone, che oltre all’Olimpiadi ha vinto due Mondiali, una Coppa del Mondo, cinque titoli europei e 24 Campionati italiani, si tratta di un ottimo risultato. L’azzurro, molto attivo sui social network, ha subito postato foto e commenti sul proprio account Twitter.

Terzo posto per Peter Kauzer, sloveno due volte campione del mondo e grande rivale di Molmenti che si ferma a 54 centesimi dalla prima posizione. A seguire l’americano Smolen, il tedesco Grimm, l’australiano Delfour e il bresciano della Forestale Giovanni de Gennaro.

Leggi anche:  Fabio Aru bussa la porta dell'Astana. La risposta di Dmitry Fofonov

Per il 24enne azzurro di Roncadelle, che nel 2014 a Penrith aveva vinto l’argento nel K1 ai Campionati del Mondo Under23, un più che positivo settimo posto, appesantito da due secondi di penalità alla porta numero 10 senza i quali sarebbe riuscito a chiudere subito ai piedi del podio. Si ferma in semifinale invece l’avventura di Zeno Ivaldi, che chiude con un ritardo di 3.88 dal leader della semifinale in 19esima posizione (con due secondi di penalità).

Più che positivo il bilancio della spedizione australiana per la squadra degli slalomisti azzurri con due finalisti nel K1 e due argenti. Gli azzurri proseguiranno ora il raduno in Australia per crescere e arrivare pronti agli Oceania Championships, in programma dal 12 al 14 febbraio a chiusura del lungo raduno azzurro. Le gare di Penrith e l’Oceania Championship serviranno ai tecnici azzurri come test per le selezioni degli atleti che parteciperanno alle Olimpiadi di Rio 2016.

  •   
  •  
  •  
  •