Football, Nazionale: i ricevitori del Blue Team voleranno con coach Ewé

Pubblicato il autore: Giacomo Garbisa Segui
(fonte @fidaf.org)

(fonte @fidaf.org)

Cambio nello staff del Blue Team, Kim Ewé è il nuovo wide receiver (WR) coach della Nazionale. A darne l’annuncio è stata la FIDAF (Federazione Italia di Football Americano) che, a seguito delle dimissioni per inderogabili impegni lavorativi e familiari di coach Federico Bianca che da 8 anni ricopriva il ruolo di allenatore dei ricevitori, ha deciso, in accordo con l’head coach Davide Giuliano, di affidare l’incarico Kim Ewé.

Coach Giuliano, a capo della Nazionale dall’ottobre 2014, ha così puntato su Ewé per l’alto profilo del 42enne tecnico danese, da due stagioni capo allenatore dei Castelfranco Cavaliers, compagine impegnata nella Seconda Divisione LENAF dove l’anno scorso, vinto il girone di qualificazione con record 6-2, sono usciti ai quarti di finale dei playoff perdendo 28-14 con gli Elephants Catania.

Leggi anche:  Daniele Nardello: "Prenderei subito Aru"

Ex giocatore, già coach della Danimarca Under 19 ed Under 20, nonché della Nazionale maggiore danese, Ewé per oltre un decennio ha ricoperto diversi incarichi: da allenatore dei WR (gli specialisti nella ricezione dei passaggi) ad allenatore dei defensive back, fino a ricoprire il ruolo di defensive coordinator in occasione degli Europei di Milano 2013 che videro la Danimarca battere proprio l’Italia in finale. A livello di club, dopo le esperienze nelle giovanili del Copenhagen Towers e del Kronborg Knight, Ewé ha guidato in patria Avedøre Monarchs (record 64-5) e i Søllerød Gold Diggers (68-15).

«Sono onorato di essere parte di questa squadra e molto grato per l’opportunità di vivere questa nuova sfida – le prime parole di coach Ewé –. Amo il football e darò il massimo per aiutare la Nazionale Italiana a vincere».

Leggi anche:  Giro d'Italia 2021, la Sicilia conferma le sue tappe

Dal canto suo coach Giuliano ha aggiunto: «L’arrivo di coach Ewé è un enorme valore aggiunto per la nostra Nazionale, per le sue qualità tecnico-tattiche e per la sua notevole esperienza a livello internazionale».

 

  •   
  •  
  •  
  •