Losanna: La corsa per ospitare i Giochi Olimpici del 2024 prende il via sul serio

Pubblicato il autore: Mario Tommasini Segui

Olimpiadi romaIl primo passo per una campagna di 18 mesi per ospitare uno degli eventi migliori sportivi del mondo è stato fatto. Budapest, Los Angeles, Parigi e Roma – hanno presentano i loro file di candidatura iniziale al Comitato Olimpico Internazionale (CIO).
Siamo lieti di avere quattro candidature estremamente forti e siamo ansiosi di una gara affascinante“.
Los Angeles, Roma, Budapest e Parigi sono tutti presentazione di progetti pienamente in linea con l’Agenda Olimpico 2020“, ha detto il presidente del CIO Thomas Bach. “E ‘impressionante vedere come hanno incorporato il progetto olimpico nei piani di sviluppo a lungo termine della loro città, regione e paese. Provenienti da diversi punti di partenza, per tutti e quattro vi è una chiara focalizzazione sullo sviluppo sostenibile, l’eredità e, in particolare, come gli impianti stanno per essere utilizzati dopo i Giochi Olimpici “, ha detto Bach.
Olympic Agenda 2020” è l’indicazione strategica del CIO per il futuro del movimento Olimpico e il processo di candidatura per i Giochi 2024 è il primo ad essere avviato dopo la sua adozione.
Il nuovo processo incoraggia le città a presentare progetti olimpici che meglio corrispondono alle loro esigenze sportive, pianificazione a lungo termine economico, sociale e ambientale. Esso prevede l’utilizzo delle strutture esistenti, ove possibile, e fornisce la flessibilità per il concetto luogo per soddisfare le esigenze e le ambizioni di sostenibilità locali.
“I piani ricevuti indicano come sia stata preso fortemente in considerazione quello che le città e le loro persone hanno bisogno per il futuro”, ha detto Jacqueline Barrett, Direttore Associato per i Giochi Olimpici/ Candidature Olimpiche.
“Il Cio ha notevolmente semplificato il processo di candidatura, simboleggiato dal fatto che i mezzi sono arrivati per la prima volta solo su una chiave USB, invece di migliaia di pagine di documenti cartacei.”
Los Angeles e Budapest hanno deciso di non reclamizzare l’evento o di farlo in tono minore, a differenza di Parigi e Roma.
La città californiana, che ha ospitato i giochi del 1984, ha pubblicato ieri il logo (https://la24.org/home ) e dopo un paio d’ore l’offerta dopo che il CIO ha confermato la ricezione del materiale.
L’offerta di Los Angeles è in linea con gli obiettivi di riduzione dei costi. Gli impianti esistenti, come lo Staples Center, Los Angeles Coliseum, il Rose Bowl, e gli stadi universitari saranno utilizzati con gli atleti di essere ospitato nel campus della UCLA.
Nessuna cerimonia si svolgerà a Budapest, dove l’opposizione, temendo spirale dei costi e dei rischi di corruzione, hanno cercato di indire un referendum ai cittadini per bloccare l’offerta, come ad Amburgo. La capitale ungherese ha annunciato un budget modesto di 2,4 miliardi di euro (2,7 miliardi di dollari) per costruire infrastrutture.

Leggi anche:  Doping Ciclismo, il Covid ha comportato meno controlli

Al contrario, Roma e Parigi si seguiranno nelle presentazioni – la CITTA’ ETERNA ha presentato stamani la sua candidatura presso il Palazzo dei Congressi, la sede della scherma dei Giochi del 1960.
Il presidente del comitato per Roma Luca di Montezemolo ha presieduto una cerimonia in onda sulla televisione di stato RAI.  Con il Colosseo come emblema e le principali attrazioni turistiche della città come sedi, la capitale italiana si baserà sui suoi punti di forza e le infrastrutture esistenti al fine di evitare, come i suoi rivali, costi non necessari e impopolari.

Parigi, che ha subito una perdita traumatica a Londra per i Giochi del 2012 ha svelato la sua offerta nel pomeriggio presso la nuova Filarmonica della città.

Il presidente del comitato di candidatura Bernard Lapasset ha confermato un budget di 3,2 miliardi di euro per le infrastrutture, con stadi e arene esistenti utilizzati insieme punto di riferimento monumenti di Parigi come il Grand Palais e il Trocadero.
Il comitato dichiara di essere pronta con il 95% di impianti esistenti o temporanei.
Un gruppo di lavoro nominato del CIO dovrà ora studiare i file e riferire al Consiglio Esecutivo del CIO (EB) entro giugno 2016.
Successivamente diversi altri dossier di dettaglio saranno presentati nel mese di ottobre prima dell’inizio di visite ai candidati da parte della Commissione di valutazione del CIO nei primi mesi del 2017.
Il voto per la città ospitante avrà luogo il 13 settembre, 2017 a Lima.

Leggi anche:  Pallamano Serie A: Conversano-Raimond Sassari 26-23, prova di forza dei biancoverdi

Documento Roma 2024
Documento Paris 2024
Documento Los Angeles 2024

 

  •   
  •  
  •  
  •