McKayla Maroney, un ritiro che non ha questo nome

Pubblicato il autore: Alessandro Gamberi Segui

McKayla Maroney

A poche ore dall’annuncio del ritiro della ginnasta Kyla Ross, un altro membro dello squadrone olimpico statunitense delle Fierce Five annuncia il ritiro dalla ginnastica artistica. McKayla Maroney, con un tweet, pubblicizza una approfondita videointervista pubblicata da GymCastic: “Possiamo non chiamarlo ritiro?”

La celebre volteggista si confida sul suo passato e sul suo futuro, parlando anche del crollo fisico e psicologico che la mandarono in crisi nel biennio scorso: “Non voglio che nessuno pensi che McKayla si ritira. Non voglio nemmeno che le persone utilizzino quella parola. L’unica differenza è che non gareggio più.”

I suoi successi olimpici, conquistati a Londra 2012, sono un oro a squadre ed un argento al volteggio (dietro alla rumena Sandra Izbașa), a cui si affiancano tre ori mondiali, 5 ori al Trofeo città di Jesolo tra 2011 e 2012, tre titoli nazionali statunitensi ed un argento nazionale.

Leggi anche:  Doping Ciclismo, il Covid ha comportato meno controlli

Ma già prima delle Olimpiadi per McKayla Maroney erano iniziati i guai fisici: nell’estate 2012 una caduta in riscaldamento le provoca la frattura del naso con commozione cerebrale, facendole saltare la finale dei campionati nazionali. Gareggia poi a Londra con un alluce rotto. A settembre dello stesso anno si frattura una tibia: diventa necessario un intervento chirurgico dopo il quale le viene detto “Ti sarà già difficile mettersi i tacchi, figuriamoci continuare con la ginnastica”.
Ai mondiali dell’anno successivo compaiono problemi al ginocchio che la portano ad un intervento chirurgico nel 2014. Qui inizia un periodo psicologicamente buio da cui esce ritornando ad allenarsi nel 2015, ma la motivazione e la concentrazione non sono più quelle di prima.

Ora è giunto il momento in cui, dice McKayla, si è resa conto che rispondere di no a chi le chiede se voglia partecipare alle prossime Olimpiadi non è più un problema, ed è pronta ad affrontare nuove avventure.

Leggi anche:  L'agente di Nibali smentisce i contatti con l'Ineos

Ecco l’intervista completa:

  •   
  •  
  •  
  •