Rugby Italia Scozia 2016: su Dmax premiato in diretta Mauro Bergamasco

Pubblicato il autore: Mario Tommasini Segui

Mauro+Bergamasco+Italy+v+Russia+Churchill+uKpDOOBA3Dfl
Roma. Nel corso del pre-partita di Rugby Italia Scozia, all’Olimpico di Roma, viene premiato Mauro Bergamasco, ritiratosi durante lo scorso mondiale in Inghilterra.
Mauro, visibilmente emozionato. In diretta televisiva DMAX in maniera ironica gli dedica uno “Speciale” durante la trasmissione Rugby Social Club, con molti compagni che lo sbeffeggiano sul modo di vestire e sul suo modo garbato di salutare. Un grazie a un grande campione del rugby, sia pure in una realtà non proprio vincente come l’Italia ma che ha saputo imporsi nei club in giro per l’Europa.

Chi è Mauro Bergamasco
Mauro Bergamasco (Padova, 1º maggio 1979) è un rugbista a 15 italiano, dal 2012 terza linea ala della squadra italiana di Pro12 delle Zebre.
Mauro Bergamasco proviene da una famiglia di rugbisti: suo padre Arturo, anch’egli flanker, si guadagnò 4 presenze in Nazionale negli anni settanta, e suo fratello Mirco è anch’egli rugbista e internazionale per l’Italia.
Cresciuto nelle giovanili del Petrarca, esordì in prima squadra nel 1998, a 19 anni. Nel biennio successivo rimase a Padova, poi si trasferì alla Benetton Treviso, club con il quale divenne campione d’Italia in due occasioni, nel 2000-01 e nel 2002-03. Dal 2003 milita nella squadra parigina dello Stade Français dove ha giocato il fratello Mirco (dal 2003 all’inizio del 2010), e vanta la vittoria nel campionato francese al termine della stagione 2006-07.
In Nazionale fin dall’era-Coste (il suo debutto risale al 18 novembre 1998 contro i Paesi Bassi), Bergamasco ha disputato quattro edizioni della Coppa del Mondo e tutte le edizioni del Sei Nazioni fino al 2010, a eccezione di quella del 2004. Vanta 14 mete in Nazionale, tre meno del fratello Mirco, attuale detentore del primato di mete in azzurro tra i giocatori in attività.
Durante il Sei Nazioni 2007 Mauro Bergamasco incorse in una squalifica di 4 settimane inflittagli dall’IRB per un pugno dato a Stephen Jones durante l’incontro con il Galles a Roma; a causa di ciò dovette saltare l’ultimo incontro del torneo, con l’Irlanda. L’anno successivo, sempre contro il Galles, a Cardiff, a causa di un gouging (dito nell’occhio) ai danni di Lee Byrne non rilevato dall’arbitro, ma visto da un altro ufficiale di gara, a Bergamasco fu inflitta una squalifica di 13 settimane, terminata ai primi di giugno 2008.
Rimasto svincolato nel 2011 in quanto lo Stade français non gli rinnovò il contratto, Bergamasco fu invitato a far parte della selezione dei Barbarian per un incontro nel novembre successivo contro un XV dell’Australia; il 3 dicembre raggiunse infine un accordo con la franchigia italiana degli Aironi, formazione di Pro12; allo scioglimento della squadra nel 2012 e il subentro nella competizione delle Zebre, Bergamasco è passato in quest’ultima squadra dalla stagione 2012-13. La stagione 2014/2015 alle Zebre è stata la sua ultima da giocatore.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  WWE, Undertaker: "Hell in a cell creato per Kane"