Boat Race: Cambridge trionfa ed evita il poker di Oxford

Pubblicato il autore: Giacomo Garbisa Segui
Cambridge esulta (foto tratta da @theboatraces.com)

Cambridge esulta (foto tratta da @theboatraces.com)

Quattro anni di attesa, ma alla fine Cambridge trionfa nella classicissima regata contro gli acerrimi «rivali» di Oxford nelle acque del Tamigi, a Londra, nel tratto tra Putney e Mortlake. Si è svolta domenica 27 marzo la 162esima edizione della Boat Race, una delle più celebri gare di canottaggio al mondo fra le competizioni non ufficiali, la cui prima edizione si è svolta nel 1829 ma solo dal 1856 si è disputata con cadenza annuale.

Dopo tre edizioni vinte da Oxford, la domenica pasquale ha portato bene a Cambridge che detiene anche il record della serie più lunga con 13 titoli consecutivi fra 1924 e 1936. Dagli anni Duemila a prevalere è stata l’alternanza, tanto che il tris di Oxford interrotto domenica era la serie più lunga. Con questa vittoria Cambridge allunga il computo complessivo con 82 trionfi contro i 79 di Oxford (la gara del 1877 si concluse in parità). Tutte le notizie ufficiali sul sito www.theboatraces.org).

Leggi anche:  Fabio Aru bussa la porta dell'Astana. La risposta di Dmitry Fofonov

Cambridge del resto partiva coi favori del pronostico e fin dalle prime battute è sembrato poter controllare la regata londinese. Nonostante le difficili condizioni meteo, assecondata dal sorteggio, Cambridge ha scelto il lato su cui vogare, quello sud, conducendo alla prima boa e pure alla seconda anche se Oxford ha avuto la forza di non farsi staccare. In condizioni di forte vento, l’equipaggio di Cambridge ha chiuso con due lunghezze e mezzo di vantaggio e alla fine delle quattro miglia ha registrato il tempo di 18’38” (da omologare). L’ultima vittoria di Cambridge in campo maschile risaliva al 2012, edizione interrotta dopo 8′ di gara per la presenza di un uomo che era riuscito a tuffarsi nel Tamigi. Gli organizzatori decisero allora di interromper le gara e la fecero ripartire.

Leggi anche:  Fabio Aru bussa la porta dell'Astana. La risposta di Dmitry Fofonov

«Una vittoria epica, non mi sono mai sentito più orgoglioso» ha detto il tecnico Steve Trapmore, medaglia d’oro con l’otto della Gran Bretagna alle Olimpiadi del 2000, alla Bbc.

In campo femminile dominio ancora di Oxford, vincitrice delle ultime tre edizioni, anche se nel computo complessivo Cambridge conduce 41-30, anche se quest’anno ha rischiato di non completare la gara affondando per le cattive condizioni meteo.

GLI EQUIPAGGI MASCHILI
OXFORD: George McKirdy (GBR), James White (GBR), Morgan Gerlak (USA), Joshua Bugasjski (GBR), Leo Carrington (NZL), Jorgen Tveit (GBR), James Cook (GBR), Nik Hazell Stroke (GBR), Sam Collier (GBR) timoniere.
CAMBRIDGE: Felix Newman (GBR), Ali Abbasi (GER), Charles Fisher (GBR), Clemens Auersperg (AUT), Luca Juckett (USA), Henry Hoffstot (USA), Ben Ruble (USA), Lance Tredell Stroke (GBR), Ian Middleton (GBR) timoniere

Leggi anche:  Fabio Aru bussa la porta dell'Astana. La risposta di Dmitry Fofonov

GLI EQUIPAGGI FEMMINILI
OXFORD: Emma Lukasiewicz (CAN), Emma Spruce (GBR), Joanneke Jansen (NED), Ruth Siddorn (GBR), Ëlo Luik (EST), Anastasia Chitty (GBR), Maddy Badcott (GBR), Lauren Kedar (GBR) timoniere.
CAMBRIDGE: Ashton Brown (CAN), Fiona Macklin (GBR), Alice Jackson (GBR), Théa Zabell (GBR), Daphne Martschenko (USA), Zara Goozee (GBR), Hannah Roberts (GBR), Myriam Goudet (FRA), Rosemary Ostfeld (GBR) timoniere

  •   
  •  
  •  
  •