Risultati Semifinali Hockey Pista, Lodi travolge Matera in gara 1

Pubblicato il autore: Valerio Pieraccini Segui

hockey pista, matera, lodi
Se nella gara tra Viareggio e Forte dei Marmi sono serviti i tempi supplementari ed il “golden Goal” messo a segno per i locali da Samuele Muglia, a Lodi, nell’altra semifinale Scudetto di hockey pista, il risultato è stato pressoché a senso unico.
In un “PalaCastellotti” gremito da più di 1500 tifosi, l’Amatori Lodi ha surclassato la Sinus Matera con il netto risultato di 9-1.
Ad onor di cronaca, va evidenziato come i lombardi siano scesi sul parquet di casa con una fame agonistica maggiore degli ospiti, probabilmente provati dalla lunga trasferta in Portogallo per la semifinale persa in Coppa CERS contro i campioni del Barcelos. Infatti, contro la squadra di Braga, è stati necessaria, addirittura, la lotteria dei rigori, dato che sia tempi regolamentari che supplementari sono terminati sul punteggio di 3-3. La stanchezza, quindi, potrebbe rappresentare un’alibi per gli uomini di Mister Resende che si sono arresi sin dalle prime battute di gioco al quintetto allestito da De Rinaldis. D’altra parte, al pari di Viareggio, far valere il fattore campo risulta determinante per potersi giocare con meno ansia gara 2 e/o gara 3 in trasferta.
De Rinaldis sceglie Català, Platero, Verona, Ambrosio ed Illuzzi mentre gli ospiti scendono in pista con Grimalt, Antezza, Romero, Lopez e Ghirardello.
Lo Sporting Lodi conduce in porto il risultato in soli 15 minuti. Al 4′ Ambrosio segna la prima rete grazie ad una deviazione sul tiro di Verona. Prima del 2-0, siglato ancora dall’italiano, il Lodi ha il tempo di sbagliare sia un rigore con Illuzzi che un tiro diretto con Ambrosio. Al minuto numero 11 Verona mette a segno il terzo gol, grazie ad una bella azione personale. Il Matera è evidentemente in giornata “no”, tanto che Ghirardello commette un ingenuo fallo da rigore, con conseguente cartellino blu: Illuzzi si presenta dal dischetto e stavolta non sbaglia. Il 5-0 arriva poco prima della sirena che pone fine alla prima frazione di gara, con De Rinaldis.
Ad inizio ripresa, nonostante un rigore sbagliato dai giallorossi con Malagoli, gli ospiti cercano di scrollarsi di dosso la negatività della prestazione e riescono a segnare, con Antezza la rete del 5-1. I tifosi ospiti credono nell’impresa, tanto che Platero si fa espellere (ricordiamo che era appena tornato in pista dopo una squalifica di due giornate) e l’arbitro assegna un rigore allo stesso Antezza. Il bomber italiano si presenta dal dischetto ma Català compie una grande parata deviando il tiro sopra la traversa.  I padroni di casa premono quindi sull’acceleratore e riescono a segnare 3 gol consecutivi con Ambrosio: 5 reti in una serata perfetta per lui e per i suoi compagni. A pochi istanti dalla sirena finale, Malagoli si fa perdonare e mette a segno il 9-1 definitivo.
Una gara, evidentemente, a senso unico, dove oltre alle marcature di Ambrosio, vale la pena ricordare la prestazione maiuscola del giovane Mattia Verona, ceduto forse troppo presto dal Forte dei Marmi.
Vale il fattore campo anche a Lodi, così come successo a Viareggio, e la serie, adesso, si sposta al “PalaPansini” di Giovinazzo, dato che il palazzetto di Matera non è in possesso dei requisiti di capienza necessari per una semifinale Scudetto.

Leggi anche:  Hockey su pista – Rimonta incompleta per Forte dei Marmi: Lodi è campione d’Italia
  •   
  •  
  •  
  •