Finale Scudetto Calcio a 5: Asti è campione d’Italia

Pubblicato il autore: riccardo rossi Segui
Finale Scudetto Calcio a 5: Asti è campione d'Italia.

Finale Scudetto Calcio a 5: Asti è campione d’Italia.

I tiri dal dischetto sono stati ancora una volta protagonisti di questa tiratissima serie di finale scudetto e, questa volta, hanno emesso il verdetto più importante: Asti è campione d’Italia per la prima volta nella sua storia.
Anche gara-2 si era infatti decisa soltanto grazie ai calci di rigore mentre, le altre due sfide, hanno visto prevalere prima Rieti e poi Asti con un solo gol di scarto.
Mai si era visto un tale equilibrio nella serie di finale scudetto calcio a 5.
Real Rieti ed Asti, hanno offerto uno spettacolo di alto livello, sia dal punto di vista tecnico che da quello dell’intensità di gioco, regalando grandi emozioni agli spettatori del Pala san Quirico di Asti e del Pala San Nicolò di Teramo (dove Rieti ha dovuto “emigrare” perchè il PalaMalfatti non raggiunge la capienza minima).
Alla fine, a gioire di più, sono stati gli oltre duemila tifosi piemontesi presenti ieri sera al Pala San Quirico di Asti, al termine di un match incredibile, forse il più emozionante dell’intera serie.
Dopo pochi secondi dal fischio d’inizio, Rieti è già in vantaggio grazie a Zanchetta, che fredda Espindola e zittisce il muro “orange” sugli spalti.
La paura dura poco, perchè Asti ribalta il risultato grazie alle reti di De Oliveira e De Luca, portando i piemontesi al riposo in vantaggio per 2-1.
Nella ripresa, le reti di Chimaguinho e Bertoni sembrano chiudere definitivamente il match, fissando il punteggio sul 4-1.
E’ proprio in questo momento che Rieti fa leva sul suo straordinario carattere.
Mister Patriarca incita i ragazzi a buttarsi in avanti, senza remore e tatticismi, e l’esito è straordinario.
I sabini fanno vivere quattro minuti di terrore ai sostenitori astigiani, ribaltando la partita in un finale hitchcockiano grazie alla doppietta di Zanchetta (2-4 e 2-3) ed al pareggio di Hector a soli trenta secondi dal suono della sirena.
L’inerzia emotiva sembra ora essere tutta a favore di Rieti, che affronta i tiri dal dischetto convinta di poter allungare la serie di finale scudetto e di giocarsi tutto nella decisiva gara-5.
Il sogno dei ragazzi di Mister Patriarca si infrange sui guantoni di Carlos Espindola quando, il portiere italo-brasiliano, respinge il tiro dal dischetto dello sfortunato Hector, fissando il punteggio sul 7-6 e regalando ad Asti il suo primo, storico, scudetto.
Resta comunque la grande impresa di Rieti, capace di regalare emozioni ed incertezza fino all’ultimo secondo di gioco di una finale scudetto calcio a 5 che resterà nella storia.

ASTI-REAL RIETI 7-6 d.t.r. (4-4 al 40’, 2-1 p.t.)
ASTI: Espindola, Nora, Duarte, Bertoni, De Oliveira,
S. Romano, Follador, Ramon, De Luca, Chimanguinho, Bocao, Casassa. All. Cafù

REAL RIETI: Micoli, Corsini, Zanchetta, Saul, Hector, Ghiotti, A. Romano, Jeffe, Martinelli, Scappa, Rafinha, Liistro. All. Patriarca

MARCATORI: 0’45’’ p.t. Zanchetta (R), 6’57’’ De Oliveira (A), 13’53’’ De Luca (A), 10’39’’ s.t. Chimanguinho (A),15’55’’ Bertoni (A), 16’10’’ e 19’14’’ t.l. Zanchetta (R), 19’29’’ Hector (R)

SEQUENZA RIGORI: Zanchetta (R) gol, Bertoni (A) gol, Jeffe (R) gol, Romano (A) gol, Hector (R) parato, Ramon (A) gol

AMMONITI: Rafinha (R), Zanchetta (R), Ghiotti (R), De Oliveira (A), Bertoni (A)

ARBITRI: Alessandro Malfer (Rovereto), Francesco Peroni (Città di Castello), Giuseppe Parente (Como) CRONO:Rocco Morabito (Vercelli)

  •   
  •  
  •  
  •