Finale Scudetto Calcio a 5: Real Rieti-Asti gara-4 Martedì ore 20.30

Pubblicato il autore: riccardo rossi Segui
Asti vince ancora e porta la serie sul 2-1

Asti vince ancora e porta la serie sul 2-1

Mercoledì sera, l’Orange Asti è riuscito nell’impresa di espugnare, per la seconda volta in tre giorni, il Pala San Nicolò di Teramo.
I piemontesi, hanno infatti sconfitto il Real Rieti per 3-2, al termine di un match ricco di emozioni, ed ora hanno la possibilità di chiudere la serie della finale scudetto calcio a 5 davanti ai propri tifosi.
Martedì 7 Giugno, si disputerà gara-4 al Pala San Quirico di Asti, che potrebbe essere teatro della festa tricolore dei ragazzi di Mister Cafù.
Asti si è garantito il match point, da giocarsi in casa, grazie ad una grande prestazione sul parquet del Pala San Quirico.
Partita vibrante fin dalle prime battute, a differenza di gara-1 e gara-2, caratterizzate da primi tempi in cui le due squadre avevano pensato più a studiarsi, che a cercare di farsi male.
Al dodicesimo Rieti passa in vantaggio con Romano, dopo che il portiere ospite Espindola aveva stoppato i tentativi di Corsini e Zanchetta.
Passano soltanto tre minuti ed è Nora a battere Micoli, riportando il match in parità.
Il nuovo vantaggio di Rieti, arriva nella ripresa grazie ad Hector ma, questa volta, dura ancora meno di tre minuti.
“Papera” di Micoli su innocuo tentativo di Romano e parità nuovamente ristabilita.
Il gol decisivo lo realizza Bertoni che, al sedicesimo della ripresa spedisce il pallone nel “sette”, ammutolendo gli oltre 650 tifosi rietini, giunti al Pala San Nicolò di Teramo per sostenere gli amarantocelesti.

Leggi anche:  Pallanuoto femminile, World League Super Final: la Russia si riscatta, OK Canada, USA e Spagna

Stati d’animo opposti per i protagonisti di Real Rieti- Orange Asti nell’immediato post-partita:

Siamo stati puniti dagli episodi”. – dichiara il portiere rietino Micoli , visibilmente deluso, all’inviato della Divisione Calcio a 5 – nel primo tempo abbiamo avuto una cattiveria mostruosa, purtroppo loro hanno segnato il primo gol su un rimpallo e il secondo su un errore mio. E’ andata male a me e alla squadra, cercheremo di rifarci. Questa squadra ha cuore – sottolinea giustamente il numero uno sabino – andremo ad Asti per rimontare. E io cercherò di rifarmi”.

Felice per la vittoria ma solidale con il collega il numero uno astigiano Espindola, autore di grandi interventi: “Lui (Micoli ndr)è un portiere forte, giovane e di prospettiva. Può capitare a tutti un infortunio, è capitato a me in Coppa Italia contro il Kaos e poi mi sono riscattato ai tiri di rigore.
Loro hanno giocato in sette, facendo una buona gara. Oggi forse hanno giocato meglio di noi, ma nel calcio a 5 è così. Oggi noi abbiamo sfruttato gli episodi. Non mi sento ancora un leader
 di questa squadra-chiosa, riferendosi a stesso, l’estremo difensore italo-brasiliano-ma mi sto conquistando il mio spazio. Ho bisogno di agitarmi e di sentire l’adrenalina per esprimere la mia personalità”

Leggi anche:  Hockey su pista – Rimonta incompleta per Forte dei Marmi: Lodi è campione d’Italia

Soddisfatto ma ancora molto cauto Mister Cafù: “Non siamo largamente favoriti- afferma il tecnico dei piemontesi, nella dichiarazione pubblicata sul sito della Divisione– E’ stata una partita di un’intensità tremenda, affrontiamo una squadra fortissima che combatte fino alla fine. Questo è uno spettacolo per la gente”

Queste le dichiarazioni del tecnico brasiliano che però, in cuor suo, sa di avere un grande vantaggio: la possibilità di giocarsi il match point, davanti agli oltre duemila spettatori del Pala San Quirico di Asti, ed aggiudicarsi la finale scudetto 2015-2016.

 

  •   
  •  
  •  
  •