Livorno, al via la 151 Miglia: sarà un’edizione speciale

Pubblicato il autore: Simone Braconcini Segui

LadyNikka_090514
Quest’anno c’è davvero il pienone. Sono infatti 207 le barche iscritte alla settima edizione della 151 Miglia-Trofeo Celadrin che partirà da Livorno nella giornata di domani, giovedì 2 giugno. Un’edizione da tutto esaurito, un successo senza precedenti per una manifestazione davvero sempre più seguita. Tanto che si può affermare, senza timore di smentita, che l’attenzione di tutta la vela europea e mondiale è rivolta verso Livorno. Ma fino all’ultimo ci sarà grande suspense, perchè ancora non è sicuro che tutte le barche iscritte potranno prendere il via, in quanto il numero massimo di barche che erano state previste era di 200.  Gli organizzatori stanno lavorando alacremente in queste ore e si spera che stamane possa esser data l’ufficialità di un allargamento del numero delle possibili partecipanti. Intanto le barche fuori dalle prime duecento incrociano le dita. E sperano.

In ogni modo, sarà una settima edizione davvero extra-large, quella della 151 Miglia di quest’anno.  La regata, nata nel 2010, vedrà i partecipanti sfidarsi sull’ormai classico percorso con  partenza da Livorno e  transiti a Marina di Pisa e all’altezza della Gorgona, doppiaggio dell’isolotto della Giraglia poi giù verso le Formiche di Grosseto, dopo aver sfiorato l’Elba, prima dell’arrivo al Marina di Punta Ala. Un tragitto mozzafiato che renderà ancora più piacevole la regata, con un paesaggio bellissimo che farà da sfondo alla “battaglia” sportiva che si terrà in acqua, senza esclusione di “colpi”e con lo spirito determinato che di solito anima questo tipo di appuntamenti.

Ma veniamo alla gara vera e propria. Ricco e prestigioso, come sempre, il lotto dei partecipanti. In acqua saranno scintille, con la sfida tra barche di grande lignaggio come il SuperNikka del patron della regata Roberto Lacorte, i Maxi Ourdream di Rigoni di Asiago (detentore del record stabilito nel 2011 con il tempo di 16 ore e 25 minuti), Pendragon di Nicola Paoleschi, l’avveniristica Atalanta 2 di Carlo Puri Negri, il My Song di Pierluigi Loro Piana e Itacentodue di Adriano Calvini, il Farr 62 Durlindana 3 di Giancarlo Gianni, lo Scuderia 50 Altair 3 di Sandro Paniccia e il TP 52 Xio di Marco Serafini. Dovrebbero essere questo il lotto completo dei favoriti. Ma, come sempre, non sono da escludere clamorose sorprese, come nelle migliori tradizioni della 151 Miglia, conosciuta in tutta Europa come una regata spettacolare nella quale può accadere davvero di tutto.

Il segreto di questa regata? La grande varietà di barche, che si sfideranno tutte per raggiungere un unico obiettivo: quello di vincere e dare spettacolo.  Non solo imbarcazioni modernissime, dunque, si fronteggeranno in questa settima edizione della 151 Miglia, ma anche tanti scafi apparentemente normali. Ci si potrà scontrare quindi con un Carter 40, o l’ormai mitico Ojalà, un One Tonner, oppure un Genesi 43 o il caro vecchio (ma sempre elegantissimo, Baltic 39). Insomma, una regata che promette di confermarsi come la regina dei percorsi d’altura in Tirreno. Ci siamo, appuntamento a Livorno, domani 2 giugno, con un grande seguito di pubblico e di appassionati. Le barche sono tutte arrivate nel capoluogo toscano, in città c’è attesa e fermento. Gli organizzatori non nascondono che potrebbe essere l’edizione migliore in assoluto finora disputata. Ancora poche ore e lo spettacolo della vela avrà inizio.

 

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: