Alberto Corradi a 55 anni debutterà alle Paralimpiadi 2016 di Rio

Pubblicato il autore: Al Rey Segui

Alberto Corradi a 55 anni debutterà alle Paralimpiadi 2016 di Rio

Alberto Corradi classe 1961 sarà l’atleta più anziano alle Paralimpiadi 2016 di Rio

Il tennista azzurro Alberto Corradi si è qualificato nella categoria quad e debutterà quest’anno alle Paralimpiadi 2016 di Rio, 15ª edizione dei giochi olimpici dedicati agli atleti con disabilità. Le Paralimpiadi 2016 di Rio si svolgeranno dal 7 al 18 settembre 2016 e consisteranno in 23 discipline disputate da 4300 atleti provenienti da 76 paesi di tutto il mondo. Quest’anno entreranno a far parte delle Paralimpiadi anche il triatlon e la canoa.

Alberto Corradi, tennista azzurro alle Paralimpiadi 2016 di Rio

Alberto Corradi è sulla carrozzina da quando aveva 11 anni e prima di passare al tennis giocava a basket. Nel 1998 ha scoperto che esisteva un circuito mondiale di tennisti in carrozzina e, nonostante fosse sull’orlo dei quarant’anni, ha deciso di buttarsi anima e corpo in questa disciplina. Nel 2004 si è quasi qualificato alle Paralimpiadi di Atene nella categoria open e due anni fa ha scoperto di poter gareggiare nella categoria quad, riservata ai tennisti con maggiori difficoltà di movimento. Negli anni ‘90 Alberto Corradi ha aperto una sua scuola di tennis per disabili in Sardegna e ha creato il torneo Sardinia Open, che è diventato in breve uno dei più importanti al mondo. Corradi è molto emozionato di essere riuscito a qualificarsi per le Paralimpiadi 2016 proprio in Sardegna e parte per Rio con il sogno di conquistare almeno una medaglia. L’età non conta in questo genere di discipline perché l’esperienza è molto più importante della forza fisica. Quest’anno, ammette Alberto Corradi, ha perso a tennis contro una donna di 61 anni e il giocatore numero due al mondo di tennis per disabili è il quarantenne Wagner. Oltre al tennis Corradi ha un negozio di ottica che gestisce con la moglie e si allena nei ritagli di tempo, anche se a volte ha dovuto affidare il negozio ai dipendenti per girare il mondo grazie allo sport.

Ha reagito alla disgrazia grazie allo sport

Come ha dichiarato sulla Gazzetta dello sport, Alberto Corradi è diventato paraplegico all’età di 11 anni a causa di un incidente. “Nel 1972, approfittando del fatto che mio padre fosse il proprietario di una concessionaria, ero alla guida di una piccola moto. Andavo piano per evitare problemi, eppure non mi accorsi di una buca profonda non segnalata: ci finii dentro e, purtroppo, la moto mi cadde sulla schiena, causandomi una frattura dorsale molto alta. Per farla breve: a 11 anni divenni paraplegico. All’epoca in Italia esistevano pochissime strutture dedicate a persone con la mia disabilità, erano tempi diversi, l’attenzione verso certe tematiche era veramente bassa”. La famiglia lo ha portato in Inghilterra in un centro all’avanguardia e nel centro riabilitativo è riuscito a stare in carrozzina e ha imparato ad essere autonomo. Sin da allora si è appassionato di sport ed è riuscito a reagire alla disgrazia, a differenza di molte altre persone nella sua condizione. “La mia vita ha preso un’impronta diversa rispetto ad altri italiani che hanno avuto un incidente simile: tanti sono rimasti confinati nelle proprie case mentre io mi sono inserito senza problemi nel settore della scuola e del lavoro”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: