Football Champions League, Seamen a 3 punti dal sogno: Wraclow campione d’Europa

Pubblicato il autore: Giacomo Garbisa Segui
Seamen Milano - Panthers Wroclaw presentata da IFAF Europe.org

Seamen Milano – Panthers Wroclaw presentata da IFAF Europe.org

A un passo dall’impresa. Basti pensare che, sotto 28-7, i Cisalfa Seamen Milano sono arrivati fino al 40-37 finale ma lo sforzo profuso non è bastato per laurearsi campioni d’Europa. I Panthers Wraclow trionfano nella football Champions League, disputatasi domenica 24 luglio a Breslavia, ai polacchi padroni di casa spetta l’onore di alzare al cielo la coppa che incorona la miglior squadra del continente. Per i Cisalfa Seamen Milano tanti applausi, ma anche la delusione di essere arrivati a un passo dal sogno anche se l’amarezza lascia già il posto alla nuova sfida: «sarà per il prossimo anno» assicurano i Marinai milanesi.

L’ultimo atto della football Champions League, manifestazione regina della IFAF (International Federation of American Football) che ha però fatto cilecca nella trasmissione in streaming (pessimo il segnale per la semifinale e visibile solo per il territorio polacco per la finale), sorride quindi ai Panthers Wraclow che, nello stadio amico Oporowska, a Breslavia, beneficiano anche del calore del pubblico di casa. Alla Final Four della Champions League i Cisalfa Seamen erano approdati grazie alla vittoria di venerdì 22 luglio sui Koc Istanbul Rams, superati 17-14, mentre i Panthers Wroclaw avevano avuto la meglio sugli austriaci dei Danube Dragons, battuti 49-34. I Panthers Wraclow iscrivono così il proprio nome nella terza edizione della football Champions League aggiungendolo a quelli dei finlandesi Helsinki Roosters (campioni 2014 sui Beograd Vukovi) e dei danesi Carlstad Crusaders (campioni 2015 sempre sui serbi).

Avvio subito in salita per i Cisalfa Seamen che subiscono il touchdown Panthers con Dziedzic, ma la reazione italiana è veemente e Fiammenghi, a fine gara eletto Mvp offensivo della finale, impatta grazie alla trasformazione di Di Tunisi. I polacchi però hanno nell’attacco il loro punto di forza e inanellano una serie di touchdown che segnano il solco sul 27-7 con Matkowski e ancora Dziedzic. Un field goal di Di Tunisi chiude la prima parte di gara sul 27-10 per i padroni di casa. In avvio ripresa la svolta: i Seamen entrano con un piglio diverso e trovano subito punti pesanti con Guthrie ben lanciato dal quarterback Safron, la corsa di 55 yards termina in endzone. I Panthers Wraclow provano a tenere a distanza di sicurezza i Marinai ma, quando sul 34-17 i giochi sembrano ormai chiusi, ecco scatenarsi la forza d’urto dei Marinai. Le mete di Vezzoli e dell’ispirato Fiammenghi riaprono il match, col terzo quarto che si chiude sul 34-31 per i polacchi. In casa Panthers Matkowski timbra il touchdown destinato a indirizzare la Champions League in Polonia, anche se Fiammenghi è l’ultimo ad arrendersi e trova la terza meta personale che fissa il risultato sul 40-37. Una sfida ricca di emozioni anche nel post gara, con Paolo Mutti, head coach dei Cisalfa Seamen portati alla vittoria di due Italian Bowl e a una finale di Champions League, ad annunciare che non guiderà più la compagine milanese. «Quando ho accettato l’incarico 4 anni fa mai avrei pensato di giocare 3 finali del campionato italiano, vincendone due e concludere l’avventura con una finale di Champions League. Da domani sera avrò un ruolo diverso in società perché senza Football non posso stare, e i Seamen sono oramai la mia seconda famiglia». La sconfitta in finale della Champions League segue l’eliminazione nella semifinale playoff di IFL Prima Divisione ad opera dei Rhinos Milano, poi laureatosi campioni d’Italia sui Giants Bolzano.

  •   
  •  
  •  
  •