Europei deltaplano, per l’Italia un altro volo d’oro nei cieli macedoni

Pubblicato il autore: Giacomo Garbisa Segui
Deltaplano in fase di atterraggio (credit @Gustavo Vitali)

Deltaplano in fase di atterraggio (credit @Gustavo Vitali)

Finisce in trionfo la spedizione italiana al 19esimo Campionato Europeo di volo libero in deltaplano, svoltosi nel cielo sopra Krushevo e le montagne della Macedonia dove si sono sfidati 88 piloti provenienti da 22 Nazioni. La nazionale azzurra, già campione del mondo in Messico nel 2015, ottavo titolo mondiale nella sua storia, si è laureata per la quarta volta campione agli Europei deltaplano, seguita da Ungheria e Repubblica Ceca.

Il campione del mondo in carica Christian Ciech, pilota trentino trapiantato nel varesotto, è diventato così anche campione d’Europa. Alessandro Ploner di San Cassiano (Bolzano) vince la medaglia d’argento, terzo lo svizzero Peter Neuenschwander. Il resto del team azzurro era composto da Suan Selenati di Sutrio (Udine), Filippo Oppici di Parma, Davide Guiducci di Villa Minozzo (Reggio Emilia), Tullio Gervasoni di Brescia e dal commissario tecnico varesino Flavio Tebaldi. Gli azzurri si sono imposti in ben sette manches sulle otto disputate, 88 km la più breve ed oltre 145 la più lunga. Tra le due e le quattro ore il tempo impiegato a percorrerle da questi mezzi senza motore che si reggono in aria sfruttando le correnti ascensionali. Il deltaplano Laminar, prodotto dalla Icaro 2000 di Laveno Mombello di Varese, è stata la miglior ala del campionato.

Leggi anche:  Pallamano, Serie A: vittoria del Conversano nello scontro al vertice col Sassari

Contemporaneamente si è volato anche per il settimo Campionato del mondo per deltaplani detti ad ala rigida, diversamente dai primi definiti ad ala flessibile. Iscritti 31 piloti in rappresentanza di otto Nazioni. Nove le task disputate con tracciati tra gli 85 ed i 193 km. Ad imporsi è stata l’Austria davanti a Germania e Giappone. L’Italia ha chiuso al nono posto con gli azzurri Luca Comino e Franco Laverdino. Nell’individuale il tedesco Tim Grabowski si è laureato nuovo campione del mondo, seguito dagli austriaci Christopher Friedl e Wolfgang Kothgasser.

Dal 8 al 20 agosto, sempre in Macedonia, la Nazionale di parapendio, l’altro mezzo che con il deltaplano condivide la disciplina del volo libero, disputerà i suoi Europei, giunti alla 14esima edizione. L’Aero Club Lega Piloti annuncia la formazione: i neo campioni italiani Silvia Buzzi Ferraris (Milano) e Nicola Donini di Molveno (Trento), Christian Biasi di Rovereto (Trento), Marco Busetta di Catania, Piergiorgio Camiciottoli di San Giovanni Valdarno (Arezzo), Marco Littamè di Torino, Joachim Oberhauser di Perlano (Bolzano) ed Alberto Biagio Vitale di Bologna. Riserva l’emiliano Michele Boschi. Soprassiede il ct Alberto Castagna di Cologno Monzese (Milano).

  •   
  •  
  •  
  •