Paltrinieri e Detti: amici, rivali e campioni. Quante somiglianze con Klaus Dibiasi e Giorgio Cagnotto

Pubblicato il autore: Maurizio Ribechini Segui
Klaus-Dibiasi-Giorgio-Cagnotto-tuffi-foto-wikipedia-1024x686

Klaus Dibiasi e Giorgio Cagnotto da giovani

Lo sport come si sa è pieno di “corsi e ricorsi storici” e anche il trionfo di Gregorio Paltrinieri e Gabriele Detti nei 1500 metri stile libero a Rio ha molte somiglianze con un’altra storica impresa acquatica olimpica italiana, ovvero quella della medaglia d’oro di Klaus Dibiasi e del bronzo a Giorgio Cagnotto nei tuffi dalla piattaforma da 10 metri nelle Olimpiadi di Monaco di Baviera nel 1972. Anche se a guardare bene queste coppie personaggi e il loro rapporto troviamo anche altre somiglianze. Vediamole meglio.

Intanto iniziamo dal fatto che così come Paltrinieri e Detti, nati entrambi nel 1994, anche Dibiasi e Cagnotto avevano tra loro la solita età, erano insomma perfettamente coetanei essendo entrambi nati nel 1947. In ambo i casi quindi i due atleti si sono conosciuti fin da ragazzini ed hanno compreso subito che sarebbero stati rivali pressoché per tutta la carriera. Così come è stato evidente quasi subito che uno è discretamente più forte dell’altro in una certa disciplina: nei 1500 sl Paltrinieri ha da sempre mostrato di essere più forte di Detti, così come nella piattaforma dei tuffi Dibiasi fin da ragazzo regolarmente batteva Cagnotto. E questo, oggi come ieri, ha indotto il “meno forte” a concentrarsi anche in un’altra specialità: Detti si è infatti specializzato nei 400 stile libero, così come Cagnotto lo fece nei tuffi dal trampolino. Ma ciò non ha evitato alle due coppie di diventare amici nella vita e di allenarsi insieme, per migliorarsi, anche alla vigilia dei grandi appuntamenti internazionali nei quali sarebbero poi stati rivali in gara.

Leggi anche:  Olimpiadi: nel villaggio niente preservativi, ma sì agli alcolici in camera

E passando appunto alla somiglianza con Monaco 1972, notiamo che anche in quel caso “il più forte” dei due, ovvero Dibiasi vinse la medaglia d’oro, mentre Cagnotto conquistò quella di bronzo. Ma chi fu il vincitore della medaglia d’argento? Lo statunitense Richard Rydze. E guarda caso curiosamente anche il nuotatore arrivato ieri fra Paltrinieri e Detti è di nazionalità statunitense, ovvero Connor Jaeger. Ultima somiglianza? Nei giochi di Monaco, nei quali arrivò il mitico podio con Dibiasi e Cagnotto, quest’ultimo si aggiudicò una medaglia anche nella specialità nella quale gareggiava senza la concorrenza del suo grande amico rivale, ovvero nei tuffi dal trampolino dove vinse l’argento. In questo caso Detti ha solo sfiorato quello che sarebbe stato un ricorso ancor più clamoroso, ma comunque nella “sua” 400 stile libero è riuscito a vincere una bella medaglia di bronzo.

Leggi anche:  Olimpiadi: nel villaggio niente preservativi, ma sì agli alcolici in camera

Insomma due storie simili, due amicizie, due sane rivalità sportive e in comune anche tante soddisfazioni per i colori azzurri.

  •   
  •  
  •  
  •