Rachele Bruni, dieci chilometri contro i pregiudizi. “Argento per la mia Diletta”

Pubblicato il autore: Gioacchino Moncado Segui
ssPiù forte di tutto. Delle avversarie che hanno provato a strapparle via dal collo la meritatissima medaglia olimpica. Dei pregiudizi che non hanno mai influenzato in negativo la sua vita e contro i quali ieri ha voluto dare una ulteriore prova di forza. Dopo quella fatta vedere nelle acque di Rio de Janeiro contro avversarie non sempre animate dallo spirito olimpico che dovrebbe caratterizzare tutte le prove di questa Olimpiade brasiliana . Rachele Bruni, 26 anni di Firenze, tre volte campionessa europea nella cinque chilometri individuale e tra le atlete favorite per la vittoria finale del titolo olimpico , ha conquistato ieri una pesantissima medaglia d’argento nella 10 chilometri di nuoto dopo un finale thrilling caratterizzato dal gesto poco sportivo di una sua rivale, la francese Muller, che ha rischiato di far affondare le speranze di podio della nuotatrice azzurra. La Bruni, dopo la gara, ha voluto dedicare la medaglia d’argento alla propria compagna Diletta diventando la prima atleta medagliata italiana alle Olimpiadi a fare outing. Anche in questo la giovane toscana ha dimostrato di essere una vera  e propria campionessa.
Stremata e stanca dopo una gara tiratissima, che ha avuto un dolce epilogo per l’Italia dopo l’arrivo delle atlete con la squalifica della francese Muller, giunta seconda davanti proprio la Bruni,  rea di aver scalciato l’italiana e di averla mandata fuori traiettoria, che ha consegnato l’argento alla nuotatrice italiana, Rachele Bruni ha voluto esprimere una dedica tutta particolare.

Le dichiarazioni di Rachele Bruni al termine della gara che l’ha incoronata vice campionessa olimpica della dieci chilometri di nuoto femminile

“Ho dedicato il mio argento anche a Diletta: non ho mai fatto coming out ma non mi sono neanche mai preoccupata dei pregiudizi. Io vivo la mia vita con naturalezza. Dite che ci vuole coraggio? Non lo so, so solo che mi è venuto naturale pensare alla mia Diletta. E non ai pregiudizi della gente. Io l’ho sempre vissuta naturalmente, senza problemi, lo sanno tutti ma io non ho mai fatto outing. Indubbiamente – ha concluso l’azzurra – ci sono persone che hanno ancora dei pregiudizi, ma io vivo serena e tranquilla senza pensare a questo: vivo per me stessa, per la mia passione per il nuoto e per le persone che mi vogliono bene”.

Ad assistere alla gara di Rachele Bruni vi era anche Diletta che ha accolto senza grosso stupore le parole della nuotatrice azzurra.

“Cosa ha detto di strano Rachele? Solo che era per me, senza aggiungere altro: è questo che mi piace di lei, lei è diretta, spontanea, naturale”.

Sullo stesso tono anche le dichiarazioni della madre di Rachele Bruni che ha assistito alla gara della figlia, tifando ed esultando per la conquista della medaglia d’argento.

“Per un genitore – ha detto la madre di Rachele Bruni – l’importante è la felicità di un figlio, qualsiasi strada prenda. Alle volte, l’ipocrisia è un’arma per proteggersi, sei costretto a non dire. Ma noi abbiamo sempre amato tutti e tre i nostri figli. L’unica cosa che ci ha fatto male è vedere partire Rachele per Roma”.
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: