Rio 2016: Paltrinieri d’oro, Detti di bronzo. Notte magica per il nuoto italiano

Pubblicato il autore: Maurizio Ribechini Segui
Detti e Paltrinieri

Detti e Paltrinieri esultano

Ce l’ha fatta Gregorio Paltrinieri, è lui il nuovo campione olimpico nei 1500 stile libero. Dietro a lui conquista la medaglia di bronzo il livornese Gabriele Detti, che raggiunge così la sua seconda medaglia in questi Giochi di Rio, dopo quella di sabato scorso nei 400 stile libero. In mezzo a loro argento per lo statunitense Jaeger. Una notte magica insomma per il nuoto italiano. Paltrinieri per pochi secondi non ha realizzato pure il record del mondo.

Gregorio Paltrinieri, di Carpi, compirà 22 anni il prossimo 5 settembre. Alla scorsa olimpiade di Londra nei 1500 stile libero aveva chiuso al quinto posto a neppure 18 anni, da lì ha iniziato una carriera invidiabile, conquistando il titolo mondiale nei 1500 stile libero a Kazan nel 2015, dopo aver vinto quello in vasca corta l’anno precedente a Doha; è anche campione d’Europa in carica dopo aver vinto il titolo continentale per tre volte consecutive nei 1500 sl (2012, 2014 e 2016) e per due volte consecutive pure negli 800 sl.

Leggi anche:  Pallanuoto femminile, World League Super Final: debutti vincenti per Ungheria, Canada, Spagna e USA

Con quella di Gregorio Paltrinieri e di Gabriele Detti, siamo a quota 18 medaglie per l’Italia a questi Giochi di Rio, che vola provvisoriamente addirittura al quarto posto nel medagliere generale con 6 medaglie d’oro, 7 d’argento e 5 di bronzo.

Guardando alla storia, ricordiamo che dal 2000 che l’Italia nel nuoto non piazzava ben due atleti sullo stesso podio olimpico, era successo a Sydney nel 2000 nei 200 metri rana quando vincemmo l’oro con Domenico Fioravanti e il bronzo con Davide Rummolo.

Ecco le prime parole del neo-campione olimpico Paltrinieri ai microfoni della RAI: “Io questa medaglia l’ho sempre voluta. So che prima o poi farò il record del mondo, perché so di poterlo valere. Ma oggi l’importante era toccare per primo. E’ stata dura ma sono contentissimo”.

Sicuramente una grande soddisfazione anche per tutti i tifosi e sportivi italiani che sono rimasti svegli, o che si sono appositamente svegliati, per guardare in diretta questa gara andata in scena dopo le 3 del mattino.

  •   
  •  
  •  
  •