XV Giochi Paralimpici a Rio al via il 7 Settembre

Pubblicato il autore: simona salta Segui

Giochi Paralimpici

Il 6 settembre, con la cerimonia di apertura, prenderanno il via i XV Giochi Paralimpici estivi di Rio de Janeiro che dureranno 12 giorni, esattamente dal 7 Settembre al 18 Settembre.

Come le Olimpiadi hanno avuto la Mascotte Vinicius, i Giochi Paralimpici avranno Tom. Tom, nome nato da un sondaggio popolare, in ricordo del cantante Brasiliano Tom Jobin, rappresenterà la flora brasiliana.

Per la nostra squadra italiana sta per cominciare questa meravigliosa avventura.Una squadra che, dopo il successo di Londra del 2012, dove il suo palmares si é arricchito di 9 medaglie d’oro, 8 d’argento e 11 di bronzo, si sta preparando ad indossare con orgoglio ed energia la maglia azzurra, sperando si surclassare o almeno eguagliare il successo di 4 anni fa.

I nostri italiani, 100 tra i 4300 atleti provenienti da 176 paesi del mondo, gareggeranno su 15 delle 23 discipline in programma, nelle 4 zone diverse del Brasile, location, fino ad ora, di tutti i giochi Olimpici 2016

A Barra, nello Stato di Bahia le Paralimpiche vedranno coinvolti i  nostri atleti in : Ciclismo su strada, Ciclismo su pista, Tennistavolo, Tennis in carrozzina, nuoto e pesistica Paralimpica.

A Deodoro, a ovest di Rio de Janeiro in : Sport Equestri, Tiro a Segno e Scherma in carrozzina.

Nello Stadio Maracanà a Rio : Atletica e tiro con l’Arco

E per finire, a Copacabana a sud di Rio in : Atletica, Paracanoa ,Paratriathlon, Vela e canottaggio.

Tanti sono gli atleti che rappresenteranno l’Italia ai XV Giochi Paralimpici. Qualcuno è molto famoso, come Alex Zanardi, ex pilota automobilistico, campione Kart nel 1997 e 1998 oltre che campione automobilistico Superturismo nel 2005, Alex ha debuttato nelle discipline paralimpiche nel 2009, dopo un incidente automobilistico in gara che gli ha causato la doppia amputazione degli arti inferiori all’altezza delle cosce. Alex oggi è specializzato in crono, strada e staffetta.

Giuseppine Versace, esordiente nei Paralimpici, ma che ha partecipato ai Campionati del Mondo a Doha in Quatar arrivando ottava ai 200mt ,ebbe nel 2005 un’amputazione bilaterale degli arti inferiori a causa di un incidente automobilistico. Oggi la sua specialità sono i 100m, 200m e 400m

Nel 2010 giusy, non dandosi per vinta, inizia a correre con un paio di protesi in fibra di carbonio, diventando così la prima atleta donna italiana della storia a correre con doppia amputazione agli arti inferiori.

Presente a Rio anche Martina Barbierato, classe 1994,giovane esordiente ai giochi, specializzata in Pesistica Paralimpica, cat. 55 kg, affetta da piede equino varo sinistro.

E ancora la nostra atleta Clara Podda, la più anziana dell’intera delegazione, specializzata in Tennistavolo.

Tanti, tantissimi atleti pronti a dare il meglio di sé.

Per l’occasione, come sempre accade, verrà realizzata Casa Italia Paralimpica, luogo di incontro della delegazione italiana presente in Brasile ma anche vetrina del nostro paese e delle sue realtà territoriali.

L’ubicazione del quartier generale ai Giochi Paralimpici, in accordo con il Vaticano e la diocesi di Rio, verrà realizzata presso una parrocchia a 20 minuti dal Parco Olimpico di Barra , La Parroquia Imaculada.

I piani della parrocchia,selezionati per ospitare Casa Italia saranno: Piano terra dove verranno allestite le aree Welcome, gli spazi per i Media e le Aree commerciali.

Il secondo piano che ospiterà l’Auditorium per le Aree conference, ufficio stampa e area mostre. Sono già in programma due mostre di pittura basate sul confronto sul piano umano e artistico con gli atleti e sull’universalità dello sport.

Questa location è stata infatti scelta per rinforzare e concretizzare il connubio tra il nostro paese e la realtà ospitante.

Sarà una grande Paralimpiade!

Forza azzurri!!

  •   
  •  
  •  
  •