Golf: al via nel weekend l’Omega European Master in Svizzera

Pubblicato il autore: marco.stiletti Segui
Omega-ChampionshipTra poche ore sarà la volta dell’inizio dell’Omega Master 2016 con un montepremi di €2,700,000 . Dopo il trionfo all’Himmerland Golf & Spa Resort di Farsø in Danimarca del belga Thomas Pieters,  il circuito European fa tappa in Svizzera. L’importanza del torneo elvetico si riscontra anche nel field di alto livello, con nove giocatori tra i primi 50 del ranking mondiale. Nell’incantevole scenario del Crans-sur-Sierre Golf Club Montana in Svizzera, che ospiterà il torneo sino al 2022, un anno fa fu tripletta inglese con Danny Willett in trionfo dinanzi ai connazionali Matthew Fitzpatrick e Tyrrell Hatton. Willett sarà l’uomo da battere, e tenterà di bissare il successo del 2015 raggiungendo il compianto Severiano Ballesteros. L’inglese sarà affiancato sul percorso di Crans Montana dai compatrioti Fitzpatrick e Chris Wood, in grado di poter recitare un ruolo da protagonisti.
L’americano Bryson DeChambeau è da tenere d’occhio in quanto ha impressionato durante i primi tornei da professionista. Il golfista statunitense è campione dell’Us Amateur 2015 e con lui ci saranno anche lo spagnolo Adrian Otaegui, brillante una settimana fa in Danimarca, il sudafricano Haydn Porteous, e l’australiano Marcus Fraser, protagonista alle recenti Olimpiadi di Rio.
Nutrita la pattuglia italiana, dalla quale si attende un acuto nelle posizioni che contano. Ci proverà Matteo Manassero, che cerca una vittoria utile a rilanciarlo nel gotha del golf. Al via anche Nino Bertasio, Edoardo Molinari e Renato Paratore. Curiosità sull’esordio di Luca Cianchetti, recente campione europeo dilettanti, che da giovedì mostrerà le sue potenzialità sul green elvetico.
Sembra un torneo, quello svizzero,  che si deciderà all’ultima buca tra Sergio Garcia e Danny Willet, in quanto due golfisti che ultimamente hanno fatto molto bene su molti circuiti.  Lo spagnolo sesto a St. Andrews e vincitore a Crans nel 2005. L’inglese, invece, terzo nella Race to Dubai e finora protagonista di un cammino estremamente positivo, mentre lo statunitense Patrick Reed si concede una pausa dal PGA Tour e proverà a sbaragliare la concorrenza in terra europea. Tutti e tre vorranno riscattare un Open sottotono.
L’Omega è una manifestazione che prevede la presenza di 70.000 visitatori da tutto il mondo  oltre ad essere una delle più prestigiose competizioni di golf giocate su territorio europeo. Per tradizione si tiene a fine dell’estate e quest’anno va in scena dall’1 al 4 settembre. La presenza dei due partner italiani avvicina sempre più il mondo del golf italiano al mondo golfistico internazionale, visto il crescente interesse per questo sport straordinario e, soprattutto, per il turismo ad esso legato. Un mercato enorme ed in crescita, con un valore stimato di 40 miliardi di dollari per 20 milioni di viaggi e un aumento annuo previsto intorno al 5%.
 
  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Nibali futuro commissario tecnico? Ecco la risposta del corridore