Open d’Italia di Golf: Francesco Molinari come Ulisse dopo dieci anni trionfa in patria

Pubblicato il autore: marco.stiletti Segui
francesco-molinari-vince-open-italia-golfUlisse ci mise dieci anni per riapprodare a Itaca sconfiggere i Proci e riprendersi moglie e figlio. Dai racconti di Omero nell’Odissea si narra che dovette superare varie prove e avventure prima di tornare nella sua patria. Anche se con sacrifici diversi, la stessa cosa è capitata a Francesco Molinari che hai impiegato un decennio per ritrionfare all’Open d’Italia di golf.
E’ sua dopo il 2006, ultimo italiano a vincere, la 73esima edizione che si è chiusa al Golf club Milano di Monza.  E’ il primo italiano a conquistare due volte l’Open di casa da quando esiste lo European Tour. Dopo cinque ore di testa a testa, nel quarto giro, con l’inglese Danny Willett si è aggiudicato 262 colpi (65 68 64 65, -22) il titolo del torneo internazionale. Per il torinese si tratta della quarta vittoria nell’European tour, il suo ultimo successo è stato in Spagna nel 2012 dove ha colto il terzo titolo dell’Open di Espana. Molinari ha preso il comando insieme a Willett nel terzo turno, poi lo ha distaccato di un colpo ma entrambi hanno giocato ad altissimo livello.
Una giornata, o meglio una settimana pesante per l’azzurro e per i giocatori impegnati nel torneo flagellato dal maltempo nei primi due giorni che ha costretto a diversi slittamenti nel programma. Sabato Molinari aveva giocato 28 buche mentre oggi ha giocato all’alba le ultime sette del terzo giro e le 18 finali. L’open migliore da vincere degli ultimi anni, con una prima moneta da 500.000 euro che lancia il più giovane dei fratelli Molinari al numero 45 della classifica mondiale. Un traguardo fondamentale che gli permette di giocare tutti i tornei soprattutto i Major. Per l’italiano, che supera i 14 milioni di euro nei guadagni in carriera sullo European Tour, è il quarto titolo sul circuito continentale che si aggiunge alle due Ryder Cup conquistate, la prima col fratello Edoardo a Celtic Manor, e la seconda Medinah negli Usa. 
“Alle ultime buche ero stremato, senza forze, insomma non ne avevo più. Sono andato avanti solo con le energie nervose”, ha raccontato Molinari a Sky. “Sono felicissimo, è bellissimo. A chi dedico questo trionfo? A mia moglie e ai miei figli, è la prima vittoria da papà. Speriamo che questo sia solo l’inizio, una tappa, di un percorso di crescita e non un episodio isolato”. Non è andata allo stesso modo invece a Renato Paratore: entusiasta per il -4 ottenuto la mattina, è andato a vuoto ieri pomeriggio con un terzo giro di segno totalmente opposto e un + 5 che ha rovinato tutto quanto di buono ottenuto poche ore prima. Un peccato di gioventù per il 19enne romano che nei giorni scorsi, con la terza mancata reperibilità all’antidoping, ha dovuto sopportare uno stress notevole.
  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Mercato NBA Harrell: "Lakers mi hanno voluto, Clippers no"