Paraolimpiadi, Caironi: “Un’oro che può cambiare una parte del mondo”

Pubblicato il autore: Gabriele Lepri Segui

carioni

Grandi festeggiamenti per Martina Caironi dopo l’oro conquistato alla Paraolimpiadi nei 100 metri. La Caironi, come riportato da Gazzetta.it, ha espresso tutta la sua gioia per questa meritatissima ed importantissima medaglia conquistata.
Ecco quanto riportato dalla nota atleta alle Paraolimpiadi:

“Non pensavo di poter provare queste emozioni per una gara sofferta emotivamente e fisicamente. Sentivo molto il peso delle responsabilità che sto portando appresso negli ultimi anni. È tutto molto bello, ma capivo che questo oro contava tanto e non solo per me, lo volevano anche tantissime persone, se lo aspettavano. L’attesa è stata dura, in più tutti me lo ricordavano ogni giorno. Lo davano per scontato. A Londra erano aspettative mie e di una nicchia ristretta, oggi erano di molti. In più la gara è stata un incubo, avevo la sensazione di perdere la protesi. Nel rallentare ho pensato che poteva Vanessa Low poteva superarmi in una frazione di secondo. Non potevo fermarmi, né correre più veloce, ho guardato di lato, non certo per fare il Bolt di turno, ma per vedere se arrivava. Non era il tempo che volevo. In mattinato avevo fatto 14.80 passeggiando. Mi spiace non aver fatto il record, lo avevo nelle gambe. Però l’ho portata a casa. E il pianto dopo l’arrivo, per venti minuti, è stato una liberazione di tutto questo peso. Questa medaglia d’oro significa tanto per le persone che mi seguono. Oggi so che posso cambiare una piccola porzione del mondo”-

Martina Caironi ha poi così concluso la sua intervista elogiando la collega Monica Contraffatto giunta terza:

Leggi anche:  L'agente di Nibali smentisce i contatti con l'Ineos

“Avere Monica al terzo posto è stato bellissimo, ha contattato me per la prima volta dopo il suo incidente, so da dove è partita. Nel vederla felice è come se avesse realizzato anche il mio sogno. Condividere la gioia non ha lo stesso valore, ma molto di più”.

Non potevano di certo mancare le opinioni e l’analisi della Contraffatto che aveva visto l’ultima edizione delle Paraolimopiadi di Londra nel 2012  all’ospedale, a seguito di un attacco a colpi di mortaio in Afghanistan:

“Nella vita ci sono momenti belli e altri meno, questo è bellissimo, la vita è bellissima così com’è, ho realizzato il mio sogno. Quando ho visto Martina la prima volta ho detto: voglio mettermi una protesi come lei, correre con lei e vivere una Paralimpiade con lei. Oggi ho fatto tutto. Sono partita da lontano ma ho lavorato molto per arrivare fin qui, questa medaglia la dedico anche a me. E ai miei genitori, il primo messaggio era di mia mamma: sei stata grande e papà si è messo a piangere. Quattro anni fa vedevo Martina dal letto di ospedale, oggi è il giorno più bello della mia vita”

Grazie a queste due importantissime medaglie l’Italia si piazza al nono posto: 10 ori, 14 argento, 15 bronzi, per un totale di 39 medaglie conquistate. In testa regna la Cina con un totale di 237 medaglie con ben 105 ori, seguono Gran Bretagna e la sorprendente Ucraina.
Ecco la classifica aggiornata relativa ai primi posti:

Leggi anche:  Ciclomercato 2022, Ineos Grenadiers vuole Nibali? L'indiscrezione

 

Cina Cina 105 81 51 237
Gran Bretagna Gran Bretagna 64 39 44 147
Ucraina Ucraina 41 37 39 117
Stati Uniti Stati Uniti 40 42 30 112
Australia Australia 21 29 29 79
Germania Germania 18 25 14 57
Olanda Olanda 17 19 26 62
Brasile Brasile 14 29 28 71
Italia Italia 10 14 15 39
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: