Pro Recco: Figari si allena in solitaria e promette riscossa. Per Rio ci sperava

Pubblicato il autore: marco benvenuto Segui
Pro Recco

Niccolò Figari (Pro Recco ) in azione

Prime avvisaglie di stagione alla Piscina San’Anna di Recco, quartier generale della Pro, in occasione degli  allenamenti, a ranghi ridotti, in vista del raduno ufficiale della squadra previsto per il 22 settembre.   Un inizio a ranghi ridotti – assenti mister Vujasinovic e i tredici atleti che hanno disputato l’Olimpiade – con protagonisti i volti nuovi Volarevic, Alesiani, Di Somma,Bruni e il veterano Figari. Per loro subito tante vasche con l’obiettivo di carburare in vista di una stagione densa di impegni.

 Tra di loro, oltre a quattro dei sei acquisti operati dalla società in estate, c’è Niccolò Figari, ormai una bandiera del club alla luce del suo nono anno in biancoceleste.
Inevitabile, prima di proiettarsi sui tanti impegni in calendario, fare un passo indietro e tornare proprio alla mancata convocazione nella Nazionale che ha conquistato il bronzo a Rio: “Sono delusioni che difficilmente si dimenticano – ammette il 28enne difensore – ma adesso bisogna voltare pagina. C’è una nuova stagione alle porte, nuovi compagni di squadra, un nuovo allenatore. Gli obiettivi, invece, rimangono sempre gli stessi: l’anno scorso non siamo riusciti a centrarli tutti, quindi adesso bisogna voltare pagina e concentrarsi su quelli per fare meglio”.
A Punta Sant’Anna, in questi pomeriggi di fine estate che precedono il raduno vero e proprio, si allenano insieme a Figari tre giovani di grande talento appena arrivati: Alesiani, Bruni e Di Somma. Toccherà ai giocatori di lunga militanza come il difensore biancoceleste facilitare il loro inserimento in squadra: “Sono ragazzi volenterosi, noi che siamo qui da più tempo gli daremo certamente una mano. Li conosco, so che hanno voglia di mettersi in mostra e sono certo che questo sia il posto giusto”.

Tra le novità della stagione 2016/2017 c’è mister Vujasinovic, che con Figari si è mancato per qualche mese nell’estate del 2008: “Come allenatore non lo conosco ancora benissimo, ma ha fatto grandi cose con i giovani del Partizan e con la Nazionale. Il suo arrivo farà bene anche ai difensori come me, visto che lui è stato il difensore più forte della storia. Sicuramente – conclude – potrà aggiungere qualità alla nostra squadra”.


(L’INTERVISTA A NICCOLO’ FIGARI)

Intanto ha suscitato interesse l’asta benefica che aveva come oggetto  il pallone di Rio 2016 firmato da tutto il Settebello, che è stato battuto all’asta per 1.100 euro. Il nobile gesto di Andrea Fondelli servirà per sostenere il progetto della Croce Rossa Italiana, impegnata da settimane nel Centro Italia per fronteggiare l’emergenza terremoto:ad  aggiudicarsela è stato  Paolo Tizzoni.

Occhi incuriositi e tanto divertimento: la Pro Recco Waterpolo Youth Academy fa subito centro con un’invasione in piena regola. Oltre 70 bambini hanno preso parte questo pomeriggio alla prima giornata di prova, organizzata in sinergia con la Rari Nantes Camogli nella piscina del Boschetto. Un’ora e mezzo di giochi ed esercizi sotto la direzione degli allenatori Giacomo Cocchiere e Luigi Boldrini. Il tutto alla presenza dei vertici della società: il presidente Maurizio Felugo, il vice Eraldo Pizzo e il responsabile organizzativo dell’Academy Jonathan Del Galdo.
“Siamo davvero contenti, sapevamo che c’era tanta voglia di pallanuoto e i numeri di oggi dimostrano che siamo nella direzione giusta”, afferma il presidente Felugo.
Le prove di pallanuoto, rivolte a maschi e femmine nati tra il 2006 e il 2009, proseguono: prossima tappa la piscina di Albaro, il 20 e 21 settembre dalle 17 alle 18.
  •   
  •  
  •  
  •