Atletico Chiaravalle schiacciasassi

Pubblicato il autore: Giovanni Romagnoli Segui

Atletico ChiaravalleNon c’è stata storia al palazzetto di Sant Ippolito. Nella seconda giornata del campionato marchigiano di Serie C di calcio a 5 femminile, l’Atletico Chiaravalle lascia solo le briciole alle quotate locali del Pian di Rose dimostrando che le belle parole spese sulla squadra di Mister Molinelli non erano solo ipotesi, ma certezze. Dopo i tre punti dell’esordio, ecco dunque un altro pieno per le rosanero.

Un inizio shock aveva tuttavia fatto pensare che la partita potesse essere tutt’altra, e invece L’Atletico Chiaravalle non si scompone più di tanto al gol siglato all’8′ da Valeria Patregnani. Già perché ci vuole poco a Verri per riportare le squadre in parità e ancor meno a capitan Caciorgna per mettere in rete il pallone del vantaggio.
Le chiaravallesi però non sono sazie e in pochi minuti mettono alle corde le avversarie. Pizi tra i pali guarda inoperosa le sue compagne che tolgono il fiato e non danno tregua al Pian di Rose. Le ragazze guidate da Mister Zanchetti per buona parte del primo tempo non riescono mai a mettere il naso oltre la propria metà campo così l’Atletico ne approfitta per chiudere i conti. In questo assedio segnano Verri -doppietta per lei- che sigla il tris, poi Catena, che segna un gran gol, mentre sono di Di Gabrielli e Bussaglia la cinquina e il sesto sigillo.
Molinelli gongola nel vedere giocare così bene le sue ragazze che vanno all’intervallo in vantaggio per 6-1.

Leggi anche:  Pallamano, Serie A: vittoria del Conversano nello scontro al vertice col Sassari

I tifosi arrivati a Sant Ippolito da Chiaravalle non possono che esultare. Ormai i brutti ricordi dello scorso anno, quando proprio su questo campo abbandonarono i sogni di promozione, sembrano definitivamente esorcizzati.

Nella ripresa il passivo non aumentata, e lo score verrà ritoccato solo due volte con il gol di Caterina Magagnini per le locali e di Sara Pizi, su calcio di rigore, per le chiaravallesi. E proprio il forte portiere dell’Atletico potrebbe siglare l’ottavo gol ma non sfrutta a dovere un tiro libero. Ci prova anche Gabrielli, ma l’esito non è migliore.

I numeri dicono due vittorie in altrettanti incontri, le prestazioni hanno inoltre messo in evidenza una superiorità disarmante. “Abbiamo fatto una grande partita, sopratutto nel primo tempo dove ho visto 20 minuti sontuosi (dal 10′ al 30′) da parte della mia squadra. Abbiamo giocato esattamente come avevo chiesto alle ragazze -dice un raggiante Molinelli- che sono state favolose. Abbiamo messo in campo tutto ciò che ci era mancato le scorse volte che eravamo venuti su questo terreno di gioco, poi la fame ha fatto il resto. In certi momenti della partita, passatemi il termine, questa è una squadra assatanata. Non ho visto particolari demeriti delle avversarie, ma in questo successo vedo grandi meriti tattici, tecnici e motivazionali nostri. Meriti anche a livello fisico perché posso contare su una rosa importante che mi permette di scegliere sempre in base alle condizioni.

Leggi anche:  Fabio Aru verso l'annuncio della sua nuova squadra

Una vittoria dal sapore particolare per il team del Presidente Bramucci. “Per chi ci segue da tempo -conclude l’allenatore chiaravallese- sa quanto importante sia stato vincere qua, non solo perché lo scorso anno proprio su questo campo perdemmo una gara che ci costò la possibilità di sperare ancora nella Serie A, ma anche perché in questo campo non avevamo mai vinto in tutta la nostra storia. Alle ragazze comunque prima dell’inizio della gara ho detto che il nostro obiettivo è molto più grande di questa singola partita. Certo però che non nascondo che c’è soddisfazione perchè se dopo due giornate di campionato, loro, che sono tra le squadre più forti del campionato, sono a 0 punti mentre noi siamo 6, vuol dire che stiamo lavorando bene.

  •   
  •  
  •  
  •