L’Atletico Chiaravalle fa subito la voce grossa, Molinelli: “Ottime risposte dal gruppo”

Pubblicato il autore: Giovanni Romagnoli Segui

Atletico ChiaravalleInizia come meglio non poteva il campionato dell’Atletico Chiaravalle.

Un sonoro 7-0 che non ammette repliche alla Polisportiva Filottrano è il biglietto da visita che le rosanero hanno mostrato all’esordio nel campionato di Serie C.

Abbiamo dominato senza concedere nulla alle avversarie -conferma il tecnico Nicolò Molinelli-. Abbiamo mantenuto il pallino del gioco per tutta la gara, quindi credo che il risultato rispecchi quello che si è visto in campo. C’è sicuramente tanto da migliorare, sopratutto nello sviluppo della fase di possesso, ma non posso che ritenermi soddisfatto di cosa si è fatto in questo mese di lavoro.

Una partita che si è subito messa nei binari giusti grazie alle reti di Caciorgna e di Catena, ma che solo nelle ripresa ha messo in evidenza la differenza tra le due squadre. “I primi dieci minuti eravamo un po’ bloccate, meno fluide nel gioco -spiega l’allenatore delle chiaravallesi-. Ripeto, c’è da migliorare. Comunque da lì in poi siamo cresciute e anche se all’intervallo il risultato era meno rotondo, è altrettanto vero che avremmo potuto chiuderla già lì.

Ma probabilmente proprio questa era il tipo di partita che l’ambiente rosanero aveva previsto, già prima del fischio d’inizio. “Sostanzialmente è successo ciò che mi aspettavo -prosegue Molinelli- anche se temevo le loro ripartenze, che poi nei fatti però non abbiamo mai sofferto. Come da previsioni è stata la classica partita che se la metti bene e riesci a mettere sotto un avversario giovane, come il Filottrano, poi diventa tutto più facile, altrimenti rischi di complicarti la vita. Merito alle mie ragazze di aver interpretato bene la gara.

Oltre ad essere la prima di campionato, quella col Filottrano è stata anche la prima uscita ufficiale dell’Atletico Chiaravalle, un’occasione dunque per capire qualcosa in più sulla squadra e sulle nuove arrivate. “Siamo ancora a meno della metà del nostro potenziale, quindi, se vogliamo crescere e diventare sempre più forti, umiltà e spirito di sacrificio! Dalle nuove -continua il tecnico rosanero- ho avuto ottime risposte, come da tutto il gruppo. Ognuna ha ben approcciato quando chiamata in causa, cosa fondamentale per una rosa come la nostra dove abbiamo tante giocatrici brave e con caratteristiche molto diverse tra loro. Quindi avanti con questo spirito perché sarà fondamentale poter contare su tutte in base alla condizione del momento, ma soprattutto alle caratteristiche dell’avversario e del campo in cui andremo a giocare.

Si dice che ben incomincia sia a metà dell’opera. “Chi ben comincia prende 3 punti! Già questo però è importante per chi vuole arrivare in alto -ammette Molinelli-. Vittoria che serve anche a togliersi di dosso un po’ di pesi e polvere accumulati in un precampionato impegnativo e con tanta pressione addosso, quindi era fondamentale iniziare bene, ma per noi sarà così ogni partita, a partire dalla tosta trasferta di venerdì prossimo in un campo che non vediamo l’ora di ricalcare!“.

Già perché sul campo del Pian di Rose, a Sant Ippolito, lo scorso anno l’Atletico Chiaravalle perse il treno per la serie A. Una vittoria servirebbe anche ad esorcizzare quel ricordo.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Pallamano Serie A: Conversano-Raimond Sassari 26-23, prova di forza dei biancoverdi