Grizzlies Roma IFL, crowdfunding per promuovere il football nelle scuole

Pubblicato il autore: Giacomo Garbisa Segui
Una fase di Dolphins-Grizzlies (foto ufficio stampa Dolphins Ancona, credit @Fabio Bugatti)

Una fase di Dolphins-Grizzlies (foto ufficio stampa Dolphins Ancona, credit @Fabio Bugatti)

Il bisogno aguzza l’ingegno e nella capitale hanno deciso di avviare una campagna di crowdfunding (raccolta di fondi, soprattutto online, attraverso piccoli contributi di gruppi numerosi che condividono un medesimo interesse o un progetto comune) per raggiungere un triplice obiettivo. I Grizzlies Roma IFL, campionato di Prima Divisione della FIDAF (Federazione Italiana di Football Americano in Italia), si sono dati sessanta giorni di tempo a partire da venerdì 11 novembre 2016 per raggiungere un tetto minimo e tre buone ragioni per contribuire.

In vista del campionato al via a inizio 2017 – nella stagione 2016 i capitolini hanno chiuso il Girone Sud con un record 3-7 conquistando la permanenza nel massimo campionato italiano – hanno infatti varato una campagna di finanziamento aperta a tutti e soprattutto punta ad obiettivi che vanno al di là delle semplici prospettive di sostentamento. Il raggiungimento del tetto minimo fissato dalla società romana porterà infatti non solamente a garantire le riserve necessarie ad affrontare una stagione onerosa dal punto di vista dei materiali e delle trasferte, ma anche a promuovere il gioco del football nei licei. Ad ogni contributo ricevuto, inoltre, i Grizzlies Roma IFL faranno corrispondere forme di riconoscenza commisurate alla generosità di appassionati vecchi e nuovi. Tre motivi per sostenere la storica squadra romana (campione d’Italia 2009 di football Arena; 2011 con gli Under 18; 2013 e 2014 di LENAF Seconda Divisione) in attesa dell’inizio della stagione della categoria senior.

Leggi anche:  Daniele Nardello: "Prenderei subito Aru"

«Stiamo utilizzando le nuove metodologie della finanza partecipativa che aiuta progetti di qualsiasi genere ad avversarsi» spiega Gianluca Ciccolunghi, autore della campagna. «A seconda di quanto verrà donato si otterrà qualcosa in cambio. Da una email di ringraziamento alla replica della nostra maglia da gioco con il nome dei donatori che contribuiranno con 120 euro. Ci sarà anche un calendario dei giocatori in tiratura limitata per chi dona 70 euro, oppure una serie di gadget come portachiavi e zainetti. La campagna durerà 60 giorni, al termine dei quali si vedrà se l’obiettivo è raggiunto. Se l’obiettivo non viene raggiunto il denaro torna ai donatori».

Lo strumento principale per effettuare le donazioni sarà sarà Facebook (https://www.facebook.com/grizzliesroma/?fref=ts).

«Cercheremo un effetto divulgativo forte. L’idea interessante è che al primo obiettivo, quello base minimo di affrontare il campionato al via nel 2017, se ne aggiunge un altro. Qualora raggiungessimo una cifra più alta vorremmo iniziare a divulgare i valori di questo sport nelle scuole secondarie. In città c’è già stato questo tipo di lavoro da parte dei Grizzlies, ma per farlo servono soldi. Per apprendere le tecniche base del football nell’ora di ginnastica, oltre ai valori come impegno, coraggio, competitività e spirito di squadra, servono dei coach e anche questa è una spesa da affrontare. Facciamo conoscere il football a chi non ne sa nulla e vediamo».

Leggi anche:  Pallamano, Serie A: Conversano nuova capolista

Entusiasta e fiducioso anche il presidente dei Grizzlies, Stefano Cicinelli. «Ringrazio i fratelli Giannelli e Gianluca Ciccolunghi per aver portato avanti questo progetto che, se andrà a buon fine, sarà fondamentale per il rilancio della nostra società. Ringrazio inoltre Giulio Mentuccia, professionista serio e meticoloso che si è appassionato a questo progetto ed è diventato il nostro primo tifoso».

  •   
  •  
  •  
  •