Pallamano, qualificazioni EURO 2020: Italia batte Georgia 26-19. Le dichiarazioni post-match di Radojkovic e Iballi

Pubblicato il autore: Lorenzo Segui

imageLa nazionale maschile di pallamano ha iniziato con una vittoria il suo cammino verso EURO 2020, in programma in Svezia, Austria e Norvegia.

L’Italia di Fredi Radojkovic ha dato spettacolo al Pala Lo Bello di Siracusa, sotto gli occhi di oltre 2.000 appassionati. Vittoria per 26-19 e primi due punti portati a casa, in attesa del ritorno previsto per il 6 novembre prossimo a Tblisi.
Non sarà una partita facile: la Georgia, in casa, è sempre stata una nazionale ostica e, trascinata dal proprio pubblico, cercherà di sovvertire il pronostico, che vede gli azzurri favoriti.

Dopo 3′ è gia 2-0 Italia, che subisce il rientro degli avversari. Al 15′ è assoluta parità, 5-5, mentre poco dopo gli ospiti passano in vantaggio.
Le reti di Giannoccaro e Turkovic, man of the match, permettono agli azzurri di terminare il primo tempo in vantaggio per 11-10.

Leggi anche:  Fabio Aru bussa la porta dell'Astana. La risposta di Dmitry Fofonov

Nel secondo tempo sale l’Italia, che si porta sul 22-14 in appena 10′. Il secondo tempo si conclude, con gli azzurri vittoriosi per 26-19, sette gol di scarto.

Italia – Georgia 26-19
Italia: Fovio, Postogna, Rossi, Venturi 2, Colasuonno, Turkovic 10, Giannoccaro 4, Sonnerer 2, Radovcic 5, Moretti, Iballi 1, Sperti 1, Dapiran, Volpi 1, Parisini, Skatar.
All: Fredi Radojkovic
Georgia: Tsintsadze, Dikhaminjia, Grishikasvili 1, Abramishvili 1, Rustamov, Chikovani 4, Datukashvili, Arsenashvili 1, Orjonikidze 3, Simonia, Tsitelishvili 3, Tevzadze, Chanturia 6, Orjonokidze.
All: Bekari Orjonokidze
Arbitri: Manea (ROU) – Iliescu (ROU)

Queste le parole del ct azzurro Fredi Radojkovic in un’intervista rilasciata a PallamanoTV al termine del match: “Importante partire col piede giusto? Certo, dovevamo vincere. Non era possibile nessun altro risultato.
Dopo una buona partenza, ci siamo contratti e non siamo riusciti ad esprimere al meglio il nostro gioco.
Nel secondo tempo, con un cambio in difesa, siamo stati più aggressivi e veloci, soprattutto in attacco dove siamo riusciti a creare qualche occasione decisiva per chiudere i conti.
Per ora va bene così, ma c’è sicuramente da migliorare: a Tblisi ci aspetta una partita ancora più difficile
“.

Leggi anche:  Fabio Aru bussa la porta dell'Astana. La risposta di Dmitry Fofonov

Sulla prestazione dell’esordiente Ardian Iballi, Radojkovic ha commentato: “Ha dimostrato le sue ottime doti fisiche e tecniche. È molto veloce e contro squadre abbastanza lente è sicuramente un ottimo giocatore. Insieme a Dean Turkovic si adatta bene a questo tipo di gioco.
Speriamo che possa ancora migliorare, è un innesto molto importante per questa nazionale
“.

Sull’impegno del 6 novembre prossimo a Tblisi: “Sarà una partita difficilissima. In casa sono sempre molto motivati ma noi abbiamo più giocatori e sono sicuro che l’Italia farà la differenza“.

Successivamente ha preso la parola il già citato Ardian Iballi, che a Siracusa ha vestito per la prima volta in carriera la maglia azzurra della Nazionale: “Avevamo preparato bene la partita negli ultimi giorni.
All’inizio è stato tutto più difficile del previsto, abbiamo giocato bene in difesa nei momenti importanti.
Siamo andati sul +4 e abbiamo mantenuto le distanze.
Dobbiamo andare in Georgia a giocarcela: il pubblico sarà caloroso e gasato, loro ci proveranno
“.

Leggi anche:  Fabio Aru bussa la porta dell'Astana. La risposta di Dmitry Fofonov

Interrogato sul debutto con la casacca dell’Italia: “È stata davvero una bella emozione, cantare l’inno non mi era mai successo. Debuttare e segnare è stato bello: prima volta per me, la prima non si scorda mai“.
Tornando al successo della squadra: “Sette gol di distacco sono buoni, ma non dobbiamo perdere la concentrazione. Cercheremo di giocare bene anche contro Lussemburgo e di migliorarci“.

CLASSIFICA GRUPPO C:
Italia 2
Lussemburgo e Georgia 0

  •   
  •  
  •  
  •