Scandalo Usa: abusi sessuali nello sport?

Pubblicato il autore: Paolo Bellosta

bandiera-usa-strappata

E’ un vero e proprio scandalo Usa quello che è esploso in questi giorni. Dopo l’Olimpiade brasiliana erano filtrate preoccupanti indiscrezioni sulle ginnaste a stelle e strisce, ora filtrano nuove allarmanti verità. E’ solo la punta dell’iceberg?

Scandalo Usa: ecco le prime verità scoperte dopo Rio 2016

Si era parlato di circa cinquanta allenatori implicati in casi di abusi sessuali: casi a volte sospetti e altre volte molto meno “sussurrati”. La cosa davvero allarmante è che la Usag (organizzazione statunitense per la ginnastica olimpica) avrebbe nelle mani un dossier che potrebbe inguaiare diversi allenatori ma avrebbe preferito insabbiare tutto per evitare l’esplosione di un vero e proprio polverone. La testata Indystar ha voluto fare chiarezza e pur non potendo accedere a tali documentazioni, avrebbe ricostruito i fatti mediante alcune dichiarazioni di coach, medici e atleti
Si parla di casi davvero frequenti, di relazioni che troppe volte rischiano di sconfinare in terreni minati, arrivando fino a veri e propri abusi sessuali. Una macchia vergognosa che sta sporcando in maniera indelebile il sistema sportivo americano.
Se il futuro è incerto, il passato non è immune da accuse simili, come sottolinea l’Indystar lo scandalo Usa parte da lontano.

Leggi anche:  Mondiali Courchevel Meribel 2023, dove vedere combinata maschile sci alpino LIVE oggi: diretta TV, orario e start list

Scandalo Usa: ecco i precedenti già condannati

Il primo nome è quello di Marvin Sharp, l’uomo si è suicidato nel 2015 quando era in carcere dopo essere stato incriminato per abusi. L'”allenatore”aveva pesantemente molestato una ginnasta di dodici anni che dopo anni ha raccontato nel dettaglio i fatti. Un altro allenatore, Mark Schiefelbein, sta scontando una pena di 36 anni di carcere per avere abusato di una ragazzina di 10 anni. L’uomo ha allenato per anni nonostante le insistenti accuse.
James Belle (punito con 8 anni) , ha molestato più volte una ginnasta di 10 anni, mentre Bill McCabe (30 anni), ha avuto rapporti con più d’una e le ha anche fotografate e filmate mentre si spogliavano, il tutto è stato postato sul web. Una scelta infelice per McCabe che pubblicando materiale sul web ha snellito notevolmente i tempi dell’inchiesta e il lavoro delle forze dell’ordine, ma ha anche inflitto una ferita ancora più profonda a queste giovani donne.

Leggi anche:  Mondiali Courchevel Meribel 2023, dove vedere super G femminile sci alpino LIVE oggi: diretta TV, orario e start list

Scandalo Usa: ecco le accuse emerse nelle ultime settimane

Le denunce e le condanne sono state davvero tante, ma questa vergognosa questione non sembra chiudersi qui. Ci sono anche i nomi di Bela Karolyi e della moglie Martha, nella denuncia presentata nelle scorse settimane da una 24enne ex ginnasta della nazionale a stelle e strisce. La ragazza avrebbe subito violenze da parte di un medico della squadra, Larry Nassar, che ha lavorato con gli Stati Uniti per ben quattro Olimpiadi. L’uomo verrà indagato per gli anni che vanno dal 2006 al 2011, periodo in cui il team si è affermato a livello mondiale con ripetuti trionfi.
La squadra 2006-2011 era composta anche da da Gabby Douglas, McKayla Maroney, Aly Raisman, Alicia Sacramone, Sabrina Vega e Jordyn Wieber. L’avvocato della ragazza sostiene che Bela Karolyi sapesse tutto, e che anzi fosse lui stesso coinvolto. I successi ottenuti hanno insabbiato la questione ma adesso sta emergendo tutto il marcio. E’ solo l’inizio dello scandalo Usa?

  •   
  •  
  •  
  •